E' ufficiale: il teatro della legalità intitolato a Pina Cipriani

La giunta approva la delibera per la cugina di don Peppe Diana

Pina Cipriani: a lei è intitolato il teatro della legalità

Ora è anche ufficiale: il ‘Teatro della Legalità’ sarà intitolato a Pina Cipriani, cugina del mai dimenticato parroco anticamorra Don Peppe Diana. Già a luglio, in occasione del primo consiglio comunale del secondo mandato dal sindaco Renato Franco Natale, era stata approvata all’unanimità, da maggioranza e opposizione, che il teatro fosse intitolata all’artista di Casal di Principe, e ora è arrivato anche il sì definitivo della giunta.

Per il sindaco Natale infatti l’intitolazione è ‘necessaria’ per il “forte legame affettivo e sentimentale che l’artista ha sempre rivendicato con Casal di Principe, sua città natale”. La storia di Pina Cipriani nasce infatti a Casal di Principe. L'attrice era cugina del mai dimenticato Don Peppe Diana.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Pina Cipriani insieme al marito Franco Nico fondò, nel 1972, il teatro Sancarluccio, lo storico teatro di Chiaia che ospitò attori del calibro di Massimo Troisi e Roberto Benigni. Regina degli anni Settanta con il gruppo “Bentornato mandolino”, cantò in Francia, Germania e Turchia. E' stata anche protagonista dello spettacolo Antonio De Curtis in arte Totò, replicato in Italia, al Festival di La Rochelle ad Avignone e al festival del Teatro Europeo di Grenoble

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sequestrata azienda di giardinaggio: alberi uccisi dal punterolo rosso bruciati in un terreno | FOTO

  • Finto contratto da badante per il permesso di soggiorno

  • Tangenti per gli appalti di esercito ed aeronautica, indagato tenente colonnello casertano

  • Il pentito: "Carmine Schiavone voleva eliminare gli ultimi rappresentanti dei Bidognetti"

  • Aumentano di nuovo i contagi da coronavirus nel casertano

  • Nervi tesissimi tra cancellieri ed avvocati. La Camera Penale: "Accuse false contro la nostra categoria"

Torna su
CasertaNews è in caricamento