No al forno crematorio, striscioni fuori cimitero e Comune | LE FOTO

La protesta dei militanti di Forza Nuova: “Ipotesi scellerata”

Lo striscione apparso all'esterno della Casa Comunale

Azione notturna da parte del gruppo di Forza Nuova Casaluce che questa notte ha affisso due striscioni, all’esterno del cimitero e alla Casa Comunale, con scritto 'No al forno crematorio'.

"Ci opponiamo radicalmente a questa scellerata ipotesi - è il commento dei militanti di Forza Nuova . in quanto potrebbe arrecare ulteriori danni di inquinamento in un territorio già segnato profondamente. Inoltre, aggiungiamo, che tale impianto potrebbe sorgere proprio in un punto troppo centrale della cittadina fluviale, rendendo meno auspicabile un esito favorevole dei cittadini all'iniziativa della maggioranza". 

1-29-22

"Non siamo assolutamente contrari alle libertà individuali per quel che concerne la cremazione - spiegano dal movimento - però siamo convinti che tale investimento consentirebbe guadagno economico solamente alle parti attive del progetto, favorendo ancora una volta il guadagno dei pochi a discapito dell'ambiente e dei cittadini. Ci affidiamo al buon senso della cittadinanza e auspichiamo che sia realmente attiva in questo senso, mostrando disapprovazione per una manovra a dir poco inutile e dannosa. La nostra azione e non sarà l'ultima su questo argomento va a supportare il lavoro di contestazione messo in atto dal comitato civico Uniti per Cambiare". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "I Casalesi comandano ancora". La Dia ricostruisce la mappa dei clan nel casertano | FOTO

  • Uccide uccelli di specie protetta, sequestrato fucile e animali a cacciatore | FOTO

  • Avete sete dopo aver mangiato la pizza? Ecco i 3 motivi per cui accade

  • Chiede alla fidanzata di sposarlo durante la sfilata dei bottari | VIDEO

  • Bollo auto, quando pagarlo e come ottenere la riduzione nel 2020

  • Il business della monnezza dei Casalesi, la Dia: "Veleni nell'acqua e nelle strade"

Torna su
CasertaNews è in caricamento