Stop alla ‘sosta selvaggia’, il Comune lancia le strisce blu

Il sindaco Dell’Aversana: “Ci consentirà anche di incassare somme per migliorare la sicurezza stradale”

Ecco le strisce blu anche a Sant’Arpino. Questa la decisione dell’amministrazione comunale per combattere il fenomeno del ‘parcheggio selvaggio’. “Istituiremo la sosta auto a pagamento con strisce blu – ha affermato il sindaco Giuseppe Dell’Aversana -. Ho dato disposizione al comandante dei vigili urbani del comune di studiare le modalità amministrative per l’istituzione sul territorio comunale di strisce blu per la sosta auto a pagamento per ore o frazione di ore”.

La volontà dell'amministrazione comunale è quella di disciplinare il parcheggio selvaggio in strade e piazze pubbliche: “Non è più possibile tollerare automobili parcheggiate malissimo che rallentano il traffico veicolare ed addirittura in alcuni casi vengono lasciate giornate intere in sosta. L’istituzione delle strisce blu con la sosta auto a pagamento consentirà anche di incassare somme utili ad incrementare le entrate del bilancio comunale ed utilizzabili per migliorare la sicurezza delle strade. La procedura per l’istituzione delle strisce blu verrà impostata nel pieno rispetto delle norme, prevedendo costi contenuti per i cittadini che intendono acquistare il grattino per parcheggiare. Il costo per ora o frazione di ora non dovrà essere esoso. Inoltre l’obbligo dei “grattini” per la sosta a pagamento delle auto in piazze e strade pubbliche favorirà l’uscita a piedi dei cittadini diminuendo il traffico automobilistico ed inquinamento dell’aria. Insomma l’istituzione delle strisce blu porterà vantaggi, ambientali, economici, di viabilità e di ordine pubblico. Moltissimi cittadini sono concordi., li accontenteremo”, ha così concluso Dell’Aversana.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La ‘Dea Bendata’ bacia il casertano: vincita record al Lotto

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Camorra, l’allarme della Dda: “Casalesi 2.0 più insidiosi del vecchio clan”

  • Torna il maltempo: allerta della Protezione civile nel casertano

  • Sparatoria con la polizia, il 'finto militare' può essere processato

Torna su
CasertaNews è in caricamento