L'ex vice sindaco vittima degli attentati dalla camorra resta senza protezione

Il caso di Benedetto Zoccola denunciato dal senatore Pd Mirabelli: "Presentata interrogazione al ministro Salvini"

L'ex vice sindaco di Mondragone Benedetto Zoccola

Via la protezione a Benedetto Zoccola, l’ex vice sindaco del Comune di Mondragone vittima delle minacce e degli attentati della criminalità organizzata che ha contribuito a fermare, portando con le sue denunce all’arresto e alla condanna della camorra del litorale domizio. E’ stata questa infatti la decisione arrivata nei giorni scorsi dalla Prefettura di Caserta, una scelta che provocato la dura reazione del senatore Pd Franco Mirabelli, vicepresidente del gruppo del PD e commissario del partito nel casertano.

“Zoccola ha subito due attentati dinamitardi per cui ha riportato danni fisici seri e permanenti – ricorda il senatore - Continua a vivere a Mondragone con la sua famiglia e a 100 metri dalla sua casa vive, agli arresti domiciliari, una donna da lui denunciata. Togliergli la vigilanza fissa di fronte all’abitazione e l’auto blindata, di cui non dispone già da un po’, significa metterlo seriamente in pericolo di vita. Per questo ho presentato un’interrogazione urgente al ministro dell’Interno”.

“La donna che vive accanto alla sua casa e che lui ha denunciato – prosegue Mirabelli – è oltretutto figlia di un noto delinquente della zona, uscito da un paio di mesi dal carcere per reati associativi dopo aver scontato una pena di 27 anni. Nel mese di dicembre 2017 è stata recapitata a Benedetto Zoccola, con mittente falso, una lettera nella quale un detenuto spiegava che gli esecutori dell’attentato bomba subito da Zoccola sono liberi e vivono nel suo stesso paese. A Pasqua sono stati gettati di fronte alla sua casa volantini da una moto, con la gli ‘auguri’ di Leone Gennaro Lisitano”.

“Benedetto è tutt’ora impegnato nelle battaglie contro la camorra e a denunciare le illegalità in quella terra difficile. Nessuno ha avvertito Zoccola che gli sarebbe stata tolta la protezione, né sono state chiarite le ragioni. Noi chiediamo di ripristinare, con immediatezza, la protezione fissa davanti all’abitazione per tutelare sia lui e la sua famiglia e che gli venga garantita l’auto blindata per gli spostamenti. –conclude Mirabelli - Pensiamo sia un atto dovuto per lo Stato compiere ogni sforzo possibile per garantire la protezione e gli aiuti nei confronti di tutti coloro che abbiano messo e mettono sé stessi in pericolo in nome della legalità e dello Stato”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, i sindaci chiudono le scuole per tutta la settimana

  • Psicosi coronavirus, monitorati altri 2 casi nel casertano. Sono rientrati dal Nord nelle ultime ore

  • Psicosi coronavirus, caso sospetto in ospedale: attivato il protocollo sanitario

  • Mamma costretta a fare orge per mantenere la figlioletta: "Se smetti ti uccidiamo"

  • Latitante arrestato in una villetta del casertano, in manette anche un commerciante

  • Sevizie dopo le proposte in chat, la 'sorpresa' su viale Carlo III: ecco come ha agito la baby gang

Torna su
CasertaNews è in caricamento