Spese pazze per gli eventi natalizi: dirigente nel mirino

Impegni di spesa poco chiari per Presepe Vivente, concerto, stampa e allestimenti

Il presepe vivente di San Marcellino

Il responsabile dell'Area Finanziaria di San Marcellino, Francesco Fabozzi, ha impegnato tutte le spese necessarie per le attività natalizie e in particolare per il Presepe Vivente.

Il Comune ha infatti ottenuto 8mila euro dalla Camera di Commercio che dovranno essere anche rendicontati. Solo che ad un comitato civico cittadino non sono sfuggiti i "poco chiari" dati riportati nelle determine. C'è stata già la rappresentazione del 'Presepe vivente' e per il concerto musicale dei Fagnoni (previsto il 30 dicembre) il Comune ha impegnato 1850 euro (iva compresa).

Sempre per il 'Presepe vivente' sono stati anche impegnati 560 euro (bisogna aggiungere anche l'Iva) in favore del Blu Martin Cafè di San Marcellino per la fornitura di prodotti tipici natalizi distribuiti in occasione dell'evento. Altri 500 euro (da aggiungere l'Iva) sono stati impegnati a favore della società 'Team Security' con sede a Teverola per la vigilanza, il controllo e lo stewarding.

La spesa più 'particolare' è quella relativa al materiale grafico/pubblicitario. Dal comitato civico hanno fatto sapere che "non viene specificato come siano stati spesi i soldi". L'Ente ha impegnato 2200 euro (senza Iva). Ma non è dettagliatamente riferito cosa sia stato stampato o fornito agli organizzatori dell'evento.

E poi ci sono i 2850 euro (oltre Iva) alla ditta 'Ds Eventi' che ha fornito l'attrezzatura necessaria allo svolgimento della rappresentazione del Presepe vivente "ma non è chiarito di cosa si tratti".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La ‘Dea Bendata’ bacia il casertano: vincita record al Lotto

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Torna il maltempo: allerta della Protezione civile nel casertano

  • Camorra, l’allarme della Dda: “Casalesi 2.0 più insidiosi del vecchio clan”

  • Sparatoria con la polizia, il 'finto militare' può essere processato

Torna su
CasertaNews è in caricamento