Bufera per i video della festa, il sindaco contro il suo consigliere: "Rispettare le Istituzioni"

Golia interviene dopo la diffusione dei filmati 'sopra le righe' dei festeggiamenti di Scruoti

Il sindaco di Aversa Alfonso Golia

“Chi occupa un ruolo nelle Istituzioni, a qualsiasi livello, è chiamato ad un alto senso di rispetto e responsabilità verso l’Istituzione stessa che rappresenta e verso i cittadini”. È arrivato anche l’intervento del sindaco di Aversa Alfonso Golia dopo il caso scoppiato per la diffusione di alcuni video che riprendono la festa ‘sopra le righe’ per il 21esimo compleanno del consigliere di maggioranza Mariano Scuotri.

Nelle immagini riprese con gli smartphone e finite sui social Scuotri viene mostrato alle prese con sex toys, dolci dalle forme falliche e in strada a scolarsi lo spumante direttamente dalla bottiglia. Immagini che hanno scatenato forti polemiche, con la richiesta di dimissioni avanzata dal movimento 'Noi Aversani' e la difesa da parte dello stesso Scruoti dalle accuse piovute anche sui social.

“Non c’è giustificazione quando un Ministro, un Presidente di Regione o un Consigliere comunale trascendono da questi principi - ha affermato il sindaco Golia - Condivido e faccio mio il passaggio del Presidente del Consiglio Conte ieri in Senato quando ha richiamato i Ministri e i Parlamentari di maggioranza a comportamenti sobri, atteggiamenti e parole consone al ruolo”. 

Per questo il primo cittadino ha reso noto di aver già provveduto a “richiamare duramente e lo farò in futuro, chi non rifletterà i principi e i valori che ci vengono imposti dal nostro ruolo nelle Istituzioni”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Aggredisce i passanti, fermato dal campione di arti marziali

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Camorra, l’allarme della Dda: “Casalesi 2.0 più insidiosi del vecchio clan”

Torna su
CasertaNews è in caricamento