Ronde ‘anti-puzza’, sindaco ed assessori in strada dopo le proteste

Velardi s’appella anche ai consiglieri: “La battaglia è cominciata”

Il sindaco Antonello Velardi e la sua giunta

Le ronde ‘anti puzza’ per evitare che imprenditori ‘non proprio integerrimi’ approfittino delle ore nottua per effettuare sversamenti illegali. Dopo due giorni di proteste sui social network, il sindaco di Marcianise Antonello Velardi insieme a quasi tutta la sua giunta (mancava Pasquale Pero) ha effettuato delle ‘ronde’ nella notte tra venerdì e sabato, alla periferia di Marcianise, “cercando di individuare l'origine e possibilmente il tragitto della puzza che ogni notte, ormai da diverse notti, si spande sulla città” ha affermato il sindaco.

“In questa calda, afosa notte di giugno la situazione sembra tranquilla - aggiunge -. Non arriva alcun olezzo strano. Le zone dove ristagna un certo tanfo sono quella a ridosso del depuratore di Orta di Atella, ai confini con Marcianise, e quella all'altezza di Pascarola, oltre i Regi Lagni. Vecchie storie, legate al pessimo funzionamento del depuratore e a un paio di aziende he trattano materiale di risulta nell'area industriale di Caivano. Faremo presto i conti con questi signori. Per il resto, al momento, nulla da segnalare. Il sospetto è che qualche imprenditore delinquente della zona ci abbia notato e stanotte abbia soprasseduto. Vedremo che succederà nei prossimi giorni. Il monitoraggio non finisce stanotte all'una: beccheremo questi delinquenti e saranno dolori. Ne scrivo qui non per essere preso per i fondelli da lorsignori, ma per sottolineare che la battaglia è cominciata”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E poi lancia l’appello a tutti i consiglieri: “Stanotte eravamo in giro tutti noi della giunta, in strada c'era ciascun assessore. Saremo di ronda ancora, ho chiesto ai consiglieri comunali di fare altrettanto a partire già dalle prossime notti. Insomma, non ci fermiamo qui: ciò che è accaduto in queste notti è inqualificabile ed inaccettabile, siamo stati costretti a restare con le tapparelle chiuse a fronte di un caldo asfissiante. Chiedo ai cittadini di darci una mano: potete segnalarmi ogni utile indizio, anche in forma riservata, via messanger al mio profilo o su quello ufficiale del Comune”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Confiscato un tesoro da 22 milioni di euro all'imprenditore 'amico' dei Casalesi

  • L'ombra dei servizi segreti all'incontro tra Zagaria e l'ex capo del Dap

  • Schianto frontale tra due auto, conducenti gravi in ospedale | FOTO

  • Va a caccia col porto d'armi scaduto, condanna "mini" per 67enne

  • Pensioni minime a 1000 euro. De Luca: "Una giornata storica"

  • Tre casertani positivi al tampone per il coronavirus

Torna su
CasertaNews è in caricamento