Sigarette in corsia, solo 3 multe all'ospedale di Caserta

La denuncia dei Verdi: "Numeri che testimoniano lo scarso interesse a far rispettare i divieti"

Le cicche di sigaretta nell'ospedale di Caserta

Appena tre sanzioni nel 2018 per chi fuma tra i reparti dell'Ospedale di Caserta. Un numero considerato "irrisorio" rispetto alla mole di segnalazioni che sono giunte ai Verdi che stanno seguendo la vicenda del mancato rispetto dei divieti negli ospedali campani, ed in particolare in quello casertano.

“Ogni giorno - spiega il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli - ci sono lamentele di pazienti e dipendenti degli ospedali campani perché si fuma nei reparti eppure negli ultimi 3 anni, se si esclude il Cardarelli, sono state fatte solo 35 multe (di cui 3 a Caserta nda) un numero ridicolo che testimonia l’assenza totale di controlli. Sono numeri - prosegue - che testimoniano uno scarso interesse a far rispettare i divieti e, tra l’altro, a quelle poche multe che sono state fatte non è seguito poi l’incasso reale di quanto dovuto".

Per questo Borrelli ha annunciato "visite a sorpresa negli ospedali per dimostrare che in molti reparti si fuma senza alcun rispetto per la salute dei pazienti e per arricchire il dossier fotografico che abbiamo preparato con le tante segnalazioni ricevute”.

Potrebbe interessarti

  • Pericolo topi: ecco come scacciarli dalle vostre case

  • Vetri puliti e splendenti: i 5 consigli da seguire per un risultato assicurato

  • Michela, una casertana tra le 1000 donne che stanno cambiando l'Italia

  • Budget finito, ora tutte le analisi e le visite mediche saranno a pagamento

I più letti della settimana

  • Muore dopo lo schianto in autostrada al rientro dalle vacanze

  • Muore investito dall'auto pirata davanti al ristorante | LE FOTO

  • I Casalesi si ricompattano, il pentito: "Il clan non è finito"

  • "Il pentito è nemico del clan", annullata la libertà vigilata

  • TERREMOTO Lieve scossa nel casertano

  • FORZA LUCREZIA Amici e familiari in preghiera per la 24enne

Torna su
CasertaNews è in caricamento