Noto negozio chiude i battenti dopo la ‘guerra legale’ col Comune

Il Consiglio di Stato dà ragione all’Ente, il proprietario dovrà chiudere l’attività

Una battaglia legale tra Ente e un commerciante che va avanti dal dicembre 2016 e che si è chiusa, dinanzi al Consiglio di Stato, con la vittoria del Comune di Orta di Aella. Il proprietario di un noto negozio di alimentari in via Viggiano, nel Parco San Salvatore, sarà infatti costretto a chiudere immediatamente la sua attività commerciale.

Il tutto ha inizio il 21 dicembre 2016 quando il Municipio annulla la SCIA dell'attività commerciale ma il proprietario non si arrende e fa ricorso al Tar: dinanzi al giudizio del tribunale amministrativo regionale viene accolto il ricorso e quindi condannato il Comune. L'Ente, guidato dall'allora sindaco Giuseppe Mozzillo, decide quindi di fare ricorso al Consiglio di Stato. E all'ultimo grado di giudizio amministrativo il Comune vince il ricorso ai danni di C.C., che ora è obbligato a chiudere la propria attività senza possibilità di portare ulteriormente avanti la sua battaglia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, i sindaci chiudono le scuole per tutta la settimana

  • Psicosi coronavirus, monitorati altri 2 casi nel casertano. Sono rientrati dal Nord nelle ultime ore

  • Psicosi coronavirus, caso sospetto in ospedale: attivato il protocollo sanitario

  • Mamma costretta a fare orge per mantenere la figlioletta: "Se smetti ti uccidiamo"

  • Latitante arrestato in una villetta del casertano, in manette anche un commerciante

  • Sevizie dopo le proposte in chat, la 'sorpresa' su viale Carlo III: ecco come ha agito la baby gang

Torna su
CasertaNews è in caricamento