La scuola resta chiusa dopo il crollo: scoperto un altro problema che la rende “pericolosa”

Lunedì a casa, poi da martedì si cambia plesso ed iniziano i doppi turni per almeno 60 giorni

La scuola Laurenza di Teano resta chiusa

Nessun rientro a scuola per gli studenti della scuola Laurenza di Teano colpita nei giorni scorsi da un crollo in una classe che solo per miracolo non ha provocato feriti. Dopo i tre giorni di chiusura della struttura ordinati dal sindaco Dino D’Andrea, è arrivata però la doccia fredda: la scuola resterà chiusa anche lunedì, mentre da martedì gli studenti saranno ospitati nel plesso di viale Ferrovia ma a turni.

“Purtroppo la nostra scuola è un pericolo per la sicurezza dei nostri bambini e non possiamo consentire di mettere a repentaglio la loro incolumità - ha commentato il sindaco - La classe dove è crollata la controsoffittatura ora è agibile dopo i lavori, ma c’è un ulteriore problema al solaio del corridoio che non ha subito crolli ma è la zona più pericolante. L’ho constatato personalmente dopo aver fatto ispezionare la parte “nascosta” sotto il controsoffitto e finché non sarà rifatto nessun bambino transiterà in quella scuola. In sette-dieci giorni avremo il progetto esecutivo e poi per la realizzazione del solaio ci vorranno all’incirca sessanta giorni. Tra oggi pomeriggio e stasera mi attiverò per trovare un’altra sede ed evitare una lunga turnazione. Intanto seguirò personalmente i lavori mentre mercoledì prossimo saremo sentiti dell’assessore regionale per l’accelerazione dei lavori”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sandokan 'litiga' col pentito sull'omicidio di don Peppe Diana

  • Arrestato il patron della 'Clinica Pineta Grande'

  • Reddito di cittadinanza, sospiro di sollievo per 100mila beneficiari

  • Terribile schianto sulla Nola-Villa Literno: due feriti gravi

  • Bollo, sconto del 10% anche a Caserta: ecco come averlo

  • Svolta dopo l'esplosione nella palazzina: sequestrato l'intero impianto di serbatoi Gpl

Torna su
CasertaNews è in caricamento