Lavoratori senza stipendio, si ferma la raccolta rifiuti

Proclamato lo sciopero per i ritardi salariali e la carenza di organico

Rischia lo stop la raccolta

Dipendenti del cantiere rifiuti a San Felice a Cancello senza stipendi e costretti a lavorare di più per far fronte alla carenza di organico. Per questo i lavoratori hanno deciso di proclamare uno sciopero per sabato 21 settembre per protestare contro quella che definiscono "una situazione insostenibile".

A denunciare l'emergenza salariale è la Fiadel che, in una nota, sottolinea come "iniziano a pesare nelle tasche dei lavoratori i giorni di ritardo in cui la Buttol S.r.l. avrebbe dovuto provvedere al pagamento di quanto dovuto ai lavoratori. La situazione assume toni ancor più allarmanti se si pensa che a breve scadranno i termini per il pagamento di un altro stipendio.

Ad oggi la Buttol s.r.l., oltre ad omettere pagamenti, non dispone la consegna delle buste paga ai lavoratori, generando numerose difficoltà agli stessi, incontrate per il dovuto riscontro degli accrediti percepiti sui propri conti correnti, infatti risulta che qualche dipendente abbia ricevuto importi nettamente inferiori a quelli di norma percepiti. Tuttavia, la precaria condizione economica, è aggravata sia dalla cronica carenza di personale, motivo per il quale nei prossimi giorni sarà attenzionato il Commissario Liquidatore del C.U.B., che dalle alte temperature, elementi che stanno mettendo a dura prova la pazienza dei lavoratori impegnati nella raccolta dei rifiuti sul territorio del Comune di San Felice a Cancello.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Insomma tutto sembra terribilmente inverosimile, una situazione del tutto insostenibile per i lavoratori, che hanno deciso di scioperare sabato 21 settembre prossimo, giorno in cui sarà indetto anche un sit-in di protesta presso il Comune per protestare contro l’indefinibile condotta praticata dalla Buttol s.r.l. Pertanto, nonostante risulti impercettibile la possibilità di riqualificare le relazioni industriali, la Fiadel resta fermamente convinta che il dialogo, il confronto ed il rispetto tra le parti, sia alla base di ogni rapporto istituzionale serio e costruttivo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Picchia il vicino due volte in mezza giornata: arrestato 45enne

  • Muore il medico Daniele Ferrucci

  • Confiscato un tesoro da 22 milioni di euro all'imprenditore 'amico' dei Casalesi

  • L'ombra dei servizi segreti all'incontro tra Zagaria e l'ex capo del Dap

  • Schianto frontale tra due auto, conducenti gravi in ospedale | FOTO

  • Camorra a Caserta, la moglie del boss comanda durante la detenzione: 7 arresti

Torna su
CasertaNews è in caricamento