"Non farci più pagare la scorta a Saviano": la richiesta a Salvini tra selfie e baciamano

Il ministro dell'Interno ad Afragola dopo gli attentati dinamitardi agli imprenditori

Salvini oggi ad Afragola

"Non farci più pagare la scorta a Saviano". Questa la richiesta fatta espressamente a Matteo Salvini oggi in visita ad Afragola per mostrare la presenza dello Stato al fianco degli imprenditori colpiti dagli attentati dinamitardi, tra cui la storica pizzeria napoletana Sorbillo di Napoli. 

Salvini, arrivato ad Afragola, è stato accolto da una folla che lo ha applaudito cercando di toccarlo, farsi un selfie ed addirittura baciandogli la mano. E tra la folla c'è chi ha gridato chiedendo di togliere la scorta allo scrittore casertano Roberto Saviano.  Salvini, poi, ha ribadito come la "camorra si combatte in piazza, negli appalti e nelle case popolari che occupano. Più poliziotti, più carabinieri che sono già arrivati. Sugli appalti la competenza è degli enti che appaltano. Bisogna far rispettare la legge fuori dai negozi e nelle case popolari. Spero che la popolazione perbene di Afragola schifi chi ruba un diritto e che nessuno scenda in piazza per difendere gli abusivi". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sequestrata azienda di giardinaggio: alberi uccisi dal punterolo rosso bruciati in un terreno | FOTO

  • Finto contratto da badante per il permesso di soggiorno

  • Tangenti per gli appalti di esercito ed aeronautica, indagato tenente colonnello casertano

  • Il pentito: "Carmine Schiavone voleva eliminare gli ultimi rappresentanti dei Bidognetti"

  • Aumentano di nuovo i contagi da coronavirus nel casertano

  • Macchia nera, scoperta choc: "Dna umano". Sequestrato depuratore: "Fogne direttamente nel canale"

Torna su
CasertaNews è in caricamento