Omicidio in ospedale, Salvini attacca: "Morire in questo modo non è degno di un Paese civile"

Il ministro dell'Interno leghista interviene sul delitto all'interno dell'ospedale di Sessa Aurunca

Il ministro dell'Interno Matteo Salvini e l'ospedale San Rocco di Sessa Aurunca

Il ministro dell’Interno e leader della Lega Matteo Salvini è intervenuto sulla propria pagina Facebook per commentare l’efferato delitto avvenuto questa mattina all’interno dell’ospedale San Rocco di Sessa Aurunca. Qui un ex infermiere in pensione di 77 anni, Luca Toscano, è stato ucciso a colpi di pugni in testa da un immigrato ricoverato dalla sera precedente dopo esser stato fermato in stato di alterazione dalla polizia a Castel Volturno per aver sfasciato alcune auto parcheggiate.

“Massacrato a colpi di pugni in testa ad opera di un immigrato. Morire a 77 anni in un ospedale in questo modo non è degno di un Paese civile”, è il commento del vice premier del governo giallo-verde. Una vicenda che potrebbe quindi aprire l’ennesima polemica politica sulla gestione dell’immigrazione in Italia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sequestrata azienda di giardinaggio: alberi uccisi dal punterolo rosso bruciati in un terreno | FOTO

  • Finto contratto da badante per il permesso di soggiorno

  • Tangenti per gli appalti di esercito ed aeronautica, indagato tenente colonnello casertano

  • Il pentito: "Carmine Schiavone voleva eliminare gli ultimi rappresentanti dei Bidognetti"

  • Aumentano di nuovo i contagi da coronavirus nel casertano

  • Nervi tesissimi tra cancellieri ed avvocati. La Camera Penale: "Accuse false contro la nostra categoria"

Torna su
CasertaNews è in caricamento