Le ruspe abbattono le villette abusive sulla spiaggia | FOTO

Aperto il cantiere a Bagnara di Castel Volturno, simbolo del 'sacco' della città

Le ruspe in azione per la demolizione delle villette abusive

Sono arrivate questa mattina di buon ora le ruspe che hanno iniziato le procedure di abbattimento delle villette abusive di Bagnara a Castel Volturno. Un processo lungo iniziato oggi, con l’apertura del cantiere per gli interventi previsti dal protocollo di intesa firmato dall’allora ministro dell’Interno Marco Minniti, dal Governatore della Campania Vincenzo De Luca e dal sindaco di Castel Volturno Dimitri Russo.

Per le demolizione delle opere abusive la Regione ha stanziato 700mila euro, coni primi 200mila euro già erogati verranno finanziati gli abbattimenti di 7 villette sulla spiaggia di Bagnara, un vero e proprio simbolo del ‘sacco’ di Castel Volturno, del degrado e dell’usurpazione del territorio castellano.

Una vittoria per il sindaco Dimitri Russo, presente questa mattina al cantiere: “Quando a Febbraio 2018 sottoscrissi col ministro Minniti, con Vincenzo De Luca e col Commissario Straordinario di Governo Prefetto Cappetta il protocollo d'intesa per il risanamento di Castel Volturno, tutti dissero che era campagna elettorale. Gli attuali candidati sindaco, da Petrella a Diana, dissero che era una pagliacciata mediatica del PD. Oggi sono qui a Bagnara per la demolizione dei ruderi abusivi, con Peppe Scialla, con fascia tricolore e tanta soddisfazione. E oggi solo noi due possiamo esserci perché gli altri sono impegnati a fare davvero campana elettorale raccontando frottole”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Beccati con un cinghiale di 100 chili in auto

  • Colpo alle poste, i ladri ‘beffati’ dal direttore | FOTO

  • Poste Italiane cerca portalettere nel casertano, ma il tempo stringe

  • Irruzione dei banditi in un altro ufficio postale

  • Rapina all'ufficio postale: polizia e carabinieri circondano la zona | LE FOTO

  • Morta professoressa, studenti in lacrime

Torna su
CasertaNews è in caricamento