La ‘scuola gioiello’ costruita nel bene confiscato resta chiusa | LE FOTO

La rabbia dell’assessore Diana: “Bisogna attendere per i ritardi negli allacci dell'energia elettrica e del gas”

La scuola 'Salvatore Nuvoletta' di Casal di Principe

La scuola dell'infanzia 'Salvatore Nuvoletta' è un gioiellino per tutta la provincia di Caserta. Il plesso, costruito su un terreno confiscato alla criminalità in via Toscana a Casal di Principe, per adesso però non può ancora ospitare i bambini. 

L'assessore Marisa Diana aveva annunciato con enfasi la fine dei lavori ma nonostante il completamento degli interventi "manca sempre qualcosa" per poter aprire la scuola. Delusa e rammaricata, Marisa Diana non nasconde la sua rabbia: "Speravamo di inaugurarla con l'inizio del nuovo anno scolastico, ma bisognerà attendere ancora alcuni giorni a causa dei ritardi negli allacci dell'energia elettrica e del gas. A nulla sono valsi i quotidiani solleciti iniziati a luglio. L'Enel e l'Italgas non hanno tenuto in alcuna considerazione che si trattava di una scuola, quindi di un intervento prioritario. Sono rammaricata e chiedo scusa ai genitori degli alunni per questo ritardo. Stiamo facendo tutto il possibile perché le suddette utenze siano attivate quanto prima".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, il giorno del contagio in Campania: 24enne di Caserta positiva al test

  • Coronavirus, De Luca chiude le scuole in tutta la Campania

  • Coronavirus, scuole chiuse a Caserta. La 24enne 'positiva' trasferita al Cotugno

  • Coronavirus, i sindaci chiudono le scuole per tutta la settimana

  • Psicosi coronavirus, monitorati altri 2 casi nel casertano. Sono rientrati dal Nord nelle ultime ore

  • Coronavirus, test positivo confermato dalle controanalisi. La 24enne ha incontrato 8 persone

Torna su
CasertaNews è in caricamento