Crisi dei rifiuti, allertato il prefetto: "Il Comune nasconde i motivi dei problemi"

Il capogruppo Tontoli vuole chiarimenti sulla delicata vicenda

Il capogruppo Edo Tontoli

"Ho appena fatto richiesta di delucidazioni e motivazioni relative al mancato conferimento della frazione umida da parte della Fir Ecologia srl presso impianto Gesia S.pa e della conseguente emissione dell'Ordinanza n. 18788 del 27/06/2019 quale capogruppo del Gruppo Consiliare "Città di Idee" del Comune di Maddaloni ". Esordisce così Edoardo Tontoli in merito alla vicenda della crisi rifiuti che sta attanagliando la Città di Maddaloni.

"Ai destinatari sono state chieste le motivazioni che hanno determinato la sospensione del predetto servizio di smaltimento con, allo stato attuale, inspiegabile ed immotivato carattere di urgenza che ha scaturito danno e disagio ai cittadini. Dal giorno 25/06/2019, in forma non ufficiale, con articoli di stampa correlati da foto, siamo venuti a conoscenza che ai mezzi della Buttol srl non era stato consentito di conferire presso la piattaforma, al punto che erano stati parcheggiati pieni di rifiuti prima nel cantiere della predetta società, determinando disagi e reazioni dei dipendenti, e dopo spostati in via della vigna. A tutt'oggi, l'Amministrazione non ha ancora reso ufficiali le reali motivazioni del mancato conferimento della frazione umida da parte della Fir ecologia srl presso impianto Gesia S.pa, non possono più nascondersi devono dire la verità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Psicosi coronavirus, monitorati altri 2 casi nel casertano. Sono rientrati dal Nord nelle ultime ore

  • Psicosi coronavirus, caso sospetto in ospedale: attivato il protocollo sanitario

  • Mamma costretta a fare orge per mantenere la figlioletta: "Se smetti ti uccidiamo"

  • Latitante arrestato in una villetta del casertano, in manette anche un commerciante

  • Sospetto Coronavirus, paziente isolato. Si attiva il protocollo

  • Assalto fuori la banca, ferita una guardia giurata

Torna su
CasertaNews è in caricamento