"Rischio epidemia", due consiglieri firmano l'esposto all'Asl

Nicola Oliva e Anastasia Petrella denunciano il degrado in cui versa la città

Cumuli di rifiuti in diverse zone di Castel Volturno

Montagne di rifiuti immersi nella pioggia. Da Pinetamare a Bagnara, è diventata a dir poco indomabile l’emergenza che sta attanagliando la città di Castel Volturno, lontana e brutta parente della meta turistica tanto desiderata negli anni ’80 e ’90.

I consiglieri comunali Nicola Oliva ed Anastasia Petrella hanno scritto alla direzione dell’Asl di Caserta col fine di porre, alla sua attenzione, una situazione a loro avviso “di grave pericolo e di rischio epidemia, a causa della mancata raccolta dei rifiuti in varie località di Castel Volturno”. Gli esponenti di minoranza hanno sottolineato che “al momento ci sono enormi distese di rifiuti presenti in strada. Particolarmente interessata è la zona antistante lo storico Royal Residence nei pressi della vecchia Darsena di Pinetamare, in località Villaggio Coppola, a Castel Volturno. L'ultima parziale raccolta dei rifiuti in questa zona risale, ormai, al primo di questo mese. Considerando la natura indifferenziata dei cumuli originatisi, compresa anche frazione organico-umida, gli odori creano disgusto, sono nauseabondi e preoccupanti. Inoltre, non mancano i ratti ed innumerevoli insetti, oltre che cani e gatti”.

“Crediamo - si legge dall'esposto inviato dai due consiglieri all'Asl di Caserta - sia assolutamente necessario un sopralluogo per verificare le condizioni igienico-sanitarie in una località frequentata da adulti e bambini. Pur consapevoli delle difficoltà operative e pur riscontrando che le responsabilità sono in parte anche dei cittadini incivili, i quali, incoscientemente, continuano a sversare, in maniera selvaggia ed inappropriata i rifiuti; riteniamo sia urgentemente ed immediatamente necessario un intervento atto a risolvere la situazione. In mancanza di riscontro, annunciamo, fin d'ora, di essere disposti a sottoporre il contenuto a livelli istituzionali superiori, chiedendo un commissariamento”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le auto di lusso del "signore della cocaina" nascoste in un garage casertano

  • La Dea Bendata bacia Caserta con una quaterna da 124mila euro

  • Scuole chiuse in provincia di Caserta: ecco i sindaci che hanno già firmato

  • “Un Mose anche per Caserta”. La foto che fa il giro del web

  • Benzina 'truccata', la finanza sequestra distributore di carburante

  • Il convento delle suore finite sotto indagine diventa proprietà del Comune

Torna su
CasertaNews è in caricamento