Il bomber di Serie A porta il Comune in tribunale

Ricorso al Tar contro l'ordinanza di chiusura della scuola calcio dei fratelli Ciano

Il calciatore Camillo Ciano e la scuola calcio di via Peschiera

La chiusura ordinata dal Comune di Marcianise dei campi di calcetto di via Peschiera finisce davanti ai giudici del Tar della Campania. Rosa Belforte, madre dei calciatori Michele e Camillo Ciano, quest’ultimo attaccante del Frosinone in Serie A, ha presentato ricorso tramite il suo avvocato contro l’ordinanza dell’Ente che ne ordinava lo stop alla prosecuzione dell’attività.

La chiusura dell'impianto

Una vicenda nata nel 2007, quando la struttura divenne già oggetto di una ordinanza di demolizione di opere abusive, seguita nel 2013 da un accertamento dei vigili urbani in cui si accertava il mancato rispetto dell’atto. L’attività, che ospita anche la nota scuola calcio dei due fratelli calciatori, ha continuato ad andare avanti fino all’intervento della nuova ordinanza dirigenziale del novembre scorso in cui si intimava lo stop.

La proprietaria quindi, madre dei due calciatori marcianisani, tramite il suo avvocato ha chiesto l’annullamento dell’atto. Il Comune si è costituito in giudizio affidando il caso all’avvocato Sabatino Rainone.

Potrebbe interessarti

  • Michela, una casertana tra le 1000 donne che stanno cambiando l'Italia

  • Vetri puliti e splendenti: i 5 consigli da seguire per un risultato assicurato

  • Frutta e verdura: non tutte fanno dimagrire! Ecco quali scegliere per perdere peso velocemente

  • Selfie e palleggi con i tifosi, Mertens show sulla spiaggia di Castel Volturno

I più letti della settimana

  • TERREMOTO Trema la terra, terza scossa in poche ore

  • I Casalesi si ricompattano, il pentito: "Il clan non è finito"

  • TERREMOTO Lieve scossa nel casertano

  • ADDIO GIANCARLO Fissati i funerali del tabaccaio casertano

  • "Preghiamo insieme per Giovanni ed Ilenia", gli amici si ritrovano in ospedale

  • Un generale dei carabinieri nel Comune guidato dal commissario

Torna su
CasertaNews è in caricamento