Commerciante non paga il locale vinto all'asta, il Comune prepara la 'guerra'

L'Ente si affida all'avvocato Gallo per recuperare le somme, il risarcimento danni e lo sfratto

L'immobile messo all'asta oggetto della 'guerra legale'

Si fa ancor più duro lo scontro tra il Comune di Caserta e Domenico Antonio Nocera, noto commerciante e legale rappresentate della società che possiede tra l’altro l’omonimo negozio di profumeria in via Turati. Oggetto della contesa è l’aggiudicazione di un immobile comunale proprio in via Turati, messo all’asta con delibera della Commissione Straordinaria di Liquidazione istituita presso il Comune a seguito della dichiarazione di dissesto finanziario.

Il dirigente Luigi Martino ha infatti conferito l’incarico legale all’avvocato Lidia Gallo “per procedere contro il commerciante per recuperare quanto dovuto al Comune per i canoni di locazione, per la predisposizione degli atti tesi allo sfratto per morosità e rimettere quindi nella disponibilità dell’Ente il locale di via Turati, e per intraprendere l’azione legale per il risarcimento danni per la mancata definizione della vendita dell’immobile”.

Già nel marzo scorso il Comune aveva provveduto a revocare la delibera del 2013 con la quale il locale di proprietà dell’Ente veniva aggiudicato dal noto commerciante per la somma di 194mila euro. Il motivo? Nonostante il tempo trascorso dall'invito ad adempiere ai propri obblighi, si legge nella determina, “non ha provveduto al versamento di quanto dovuto per l’alienazione dell’immobile”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La ‘Dea Bendata’ bacia il casertano: vincita record al Lotto

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Torna il maltempo: allerta della Protezione civile nel casertano

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Muore dopo incidente a scuola, un testimone ha visto Gerardina pochi minuti prima della caduta

  • Sparatoria con la polizia, il 'finto militare' può essere processato

Torna su
CasertaNews è in caricamento