Il Comune vuole revocare le aiuole affidate ai privati

Il sindaco: "Chi non la gestisce dà una brutta immagine della città"

Una delle aiuole affidate ai privati a Santa Maria Capua Vetere

Le aree pubbliche adottate ed allestite, per ultima la rotonda affidata ad un ristorante sammaritano, rappresentano la piena applicazione dello spirito del Progetto Labsus, la cui concreta attuazione è stata fortemente voluta da questa Amministrazione Comunale e dall’ex assessore Virgilio Monaco, quale rapporto di condivisione tra Città e cittadino che si prende cura degli spazi pubblici rafforzando il senso di appartenenza. Proprio in virtù di questo spirito l’Amministrazione contestualmente ha anche avviato le procedure per la revoca degli affidamenti a quei soggetti che, male intendendo tale spirito, non hanno né allestito né curato gli spazi di cui avevano l’assegnazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Tale progetto - ha dichiarato il sindaco Antonio Mirra - ha un grande significato che è appunto quello rinsaldare il senso di appartenenza e il rapporto tra città e cittadino; nessuno però può pensare che lo stesso possa essere circoscritto alla mera apposizione di una tabella pubblicitaria della propria azienda. Un’area affidata e non allestita o maltenuta rappresenta il tradimento di quei valori e di quello spirito che sono alla base del Progetto Labsus oltre che rappresentare una cattiva immagine non solo per la città ma anche per la stessa azienda che, in maniera maldestra, cerca di pubblicizzarsi su uno spazio pubblico, il che risulta veramente inspiegabile. E’ per questa ragione che abbiamo dato mandato ai nostri uffici per avviare le procedure finalizzate alla revoca degli affidamenti al fine di dare l’opportunità ad altri soggetti di abbracciare al meglio lo spirito che muove il progetto”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il contagio a Mondragone fa paura: i positivi salgono a 49

  • Pentito casertano si uccide in carcere

  • La ‘Dea bendata’ bacia il casertano: vinti 50mila euro al 10eLotto

  • Casalesi in Veneto, i figli pentiti dei boss testimoni con Zaia e Lamorgese

  • Due casi fuori la 'zona rossa' di Mondragone. Un nuovo caso anche a Falciano

  • Zona rossa a Mondragone, pediatri di famiglia preoccupati: "Scaricate l'app Immuni"

Torna su
CasertaNews è in caricamento