Sbloccati 27 milioni per i Comuni casertani: ecco l'elenco completo città per città

Soddisfatto il consigliere Pd Graziano: "Ossigeno per gli Enti locali"

Con il collegato alla finanziaria della Regione Campania approvato il primo agosto, è stata varata una norma che permette agli enti locali l'utilizzo di residui su mutui concessi dalla Cassa depositi e prestiti fino al 31 dicembre 2007. Gli enti della Provincia di Caserta beneficeranno di 26,9 milioni.

Nel dettaglio si tratta dei mutui Il cui ammortamento è iniziato il 2008 o in precedenza, il cui ammortamento è ancora in corso. Sono esclusi i mutui il cui ammortamento scade nel 2018 o nel 2019 ed i mutui assunti dal 2008 in poi e la Regione rimborsa, su presentazione di richiesta documentata, la rata di ammortamento pagata. I fondi possono essere accorpati per uno o più progetti di opere pubbliche o più investimenti. Non possono essere utilizzati, invece, per le spese correnti. Per beneficiare dei fondi i funzionari degli enti locali dovranno accertare che la somma non accreditata dalla CDDPP sia un’economia. "Diamo ossigeno agli enti locali, in particolare i comuni, sempre più alle prese con difficoltà nel far quadrare i bilanci" ha spiegato un soddisfatto Stefano Graziano, consigliere regionale del Pd.

Potrebbe interessarti

  • Maschera rigenerante per capelli secchi e crespi: la ricetta della nonna

  • Frutti rossi ed anguria per combattere le gambe gonfie e pesanti

  • Trucco illuminante: ecco la nuova tecnica e come applicarla

  • Quanto tempo bisogna aspettare per fare il bagno dopo aver mangiato?

I più letti della settimana

  • Un impero da 300 milioni di euro sequestrato all'imprenditore in odore di camorra

  • Affiora cadavere in mare, dramma sulla spiaggia

  • Pentito non attendibile, dissequestrato l'impero milionario dell'imprenditore calzaturiero

  • Tragedia sulla provinciale: muore motociclista

  • Rolex e Pandora falsi, arrestato orafo del Tarì

  • Arrestato il cassiere dei Casalesi: smantellato il business dei cartelloni pubblicitari

Torna su
CasertaNews è in caricamento