Il ticket della mensa scolastica aumentato del 100%

La denuncia dei genitori, il sindaco prova a correre ai ripari

“Sono raddoppiati i costi del ticket mensa per i bambini delle scuole di Orta di Atella”. E' questa la denuncia di decine di genitori che in questo 2019 hanno subito scartato una amara sorpresa. Il blocchetto da 20 tagliandi infatti dal 1 gennaio costa 60 euro, anziché i 30 che i genitori hanno pagato fino al 31 dicembre.

Un aumento del 100% che ha mandato su tutte le furie alcuni genitori che hanno subito chiesto informazioni al sindaco Andrea Villano che ora prova a fare un po’ di chiarezza: “I ticket sono aumentati ma non è colpa nostra, stiamo già lavorando per ripristinarli a 1,50 euro. Ma non è escluso che in futuro alcune ‘fasce deboli’ possano pagare ancora meno”.

Il primo cittadino rivela che questo aumento sia riconducibile ad un provvedimento firmato dall’ex commissario che guidava l’Ente. In pratica dal Comune fanno sapere che “il viceprefetto Vincenzo Lubrano “per fare cassa” ha deciso che i cittadini pagassero il 100% dei costi della mensa scolastica a partire dal 1° gennaio. Si tratta di un servizio a domanda individuale che solitamente porta ad una compartecipazione dei costi: un 50% viene versato dal Comune e l’altro 50% dai cittadini. Solo che il commissario per recuperare dei soldi (circa 50mila euro) e per far fronte al dissesto finanziario ha preso questa decisione di far pagare tutti i 3 euro ai cittadini. Ritengo che sia un provvedimento sbagliato e per questo mi sono subito attivato per dare risposte immediate ai cittadini”.

Lunedì prossimo (7 gennaio) alla riapertura delle scuole “incontrerò il Revisore dei Conti e chiederò che si possa ritornare a far pagare 1,50 euro ai cittadini in attesa dell’approvazione di un regolamento che stabilisca il costo dei ticket secondo il reddito Isee. In questa fase ‘transitoria’ non possiamo far pagare il doppio per lo stesso servizio del 2018. La commissione comunale è già a buon punto sul regolamento: la contribuzione sarà a fasce ma ci vorrà almeno un altro mese per approvare il documento in consiglio comunale. In base all’Isee ci sarà chi pagherà 2 euro, chi 2,50 euro ma ci sarà anche chi pagherà 1 euro. Ma fino ad allora voglio fare una promessa: si tornerà a pagare 1,50 euro a ticket, così da spegnere sul nascere ogni tipo di polemica”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La ‘Dea Bendata’ bacia il casertano: vincita record al Lotto

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Camorra, l’allarme della Dda: “Casalesi 2.0 più insidiosi del vecchio clan”

  • Sparatoria con la polizia, il 'finto militare' può essere processato

Torna su
CasertaNews è in caricamento