Rifiuti, la Ecocar chiede gli atti della gara persa e studia il ricorso

Non è ancora stata firmata l'aggiudicazione definitiva per la nuova ditta. Oggi negli uffici del Comune hanno fatto capolino i carabinieri del Noe che hanno indagato sull'appalto milionario poi sospeso dopo l'indagine della Dda

Non c'è stato ancora ufficialmente il passaggio di consegne tra la Ecocar e la Energetikambiente, la ditta che si è aggiudicata la mini gara da 6 mesi (più altri 6 mesi di possibile proroga) bandita dal Comune di Caserta (tramite Asmel) per far fronte alla conclusione del contratto in essere con la società di Diodati ed ai problemi giudiziari nati per il maxi appalto da oltre 100 milioni di euro che ha portato la Dda ad aprire un'indagine in cui è coinvolto lo stesso sindaco del Capoluogo Carlo Marino.

Dopo l'aggiudicazione provvisoria da parte della stazione appaltante, si attendere la verifica dei documenti (obbligatoria per legge), in primis quello relativo al certificato antimafia, per spingere il Comune di Caserta a sedersi al tavolo con la nuova società (che era risultata vincitrice anche del vecchio bando milionario) e firmare il contratto. Probabile che il passaggio di cantiere avverrà nei primi giorni di novembre, sempre che la Ecocar non decida di presentare ricorso.

Nei giorni scorsi, infatti, la società laziale ha effettuato una richiesta di accesso agli atti della gara per valutare se vi siano gli estremi per impugnare l'affidamento. Ad oggi, però, sembra che la documentazione non sia stata ancora consegnata. Sempre oggi, invece, negli uffici di palazzo Castropignano, hanno fatto capolino i carabinieri del Noe di Caserta che hanno parlato col dirigente del settore e, a quanto raccolto, anche con un dipendente, per alcune verifiche in corso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si tratta degli stessi militari che hanno indagato sul maxi appalto milionario al Comune di Caserta finito nel mirino della Dda e che, ad oggi, è di fatto sospeso, anche se non risulta alcun atto ufficiale di revoca in auto-tutela della gara da oltre 100 milioni di euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Confiscato un tesoro da 22 milioni di euro all'imprenditore 'amico' dei Casalesi

  • Schianto frontale tra due auto, conducenti gravi in ospedale | FOTO

  • Va a caccia col porto d'armi scaduto, condanna "mini" per 67enne

  • Pensioni minime a 1000 euro. De Luca: "Una giornata storica"

  • Tre casertani positivi al tampone per il coronavirus

  • Terrore in corso Giannone, albero della Reggia crolla in strada | FOTO

Torna su
CasertaNews è in caricamento