C'è chi inquina e chi pulisce, i volontari 'liberano' la spiaggia dai rifiuti | FOTO

I volontari di diverse associazioni hanno provveduto a ripulire la spiaggia libera nei pressi di Fontana Blu, dando vita ad un'altra giornata ecologica seguendo lo slogan #OggiPuliamoNoi

I volontari al lavoro a Castel Volturno

C'è chi inquina il mare e chi pulisce le spiagge, due volti della stessa medaglia a Castel Volturno. E' di ieri (29 giugno) la notizia della denuncia di un padre e di un figlio, titolari di un'azienda bufalina di Capua, accusati di aver inquinato il mare col letame dell'azienda, che arriva a pochi giorni dalla pulizia della spiaggia libera da parte delle associazioni. Sabato i volontari di diverse associazioni operanti sul territorio castellano hanno provveduto a ripulire la spiaggia libera nei pressi di Fontana Blu, dando vita ad un'altra giornata ecologica seguendo lo slogan #OggiPuliamoNoi.

L'iniziativa è stata organizzata dalla 'Croce Rossa Italiana Comitato Casal di Principe', insieme al Comitato 'No Roghi Castel Volturno' e alle Associazioni 'I love Pinetamare', 'Madre', 'Fenice' e 'Fire Angels Castel Volturno'. “I tanti volontari intervenuti hanno provveduto a rimuovere tutto il pattume accumulato e mai rimosso dall'amministrazione, con il fine di salvaguardare l'ambiente e la salute dei cittadini". 

Questo quanto dichiarato da Cesare Diana, membro dell'associazione "No Roghi", che già alcune settimana fa aveva, con gli altri volontari, ripulito l'area antistante l'ex Rio Blu nei pressi dello stazionamento dei pullman e collocato delle piante ornamentali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il nostro territorio va difeso da chi non lo rispetta - ha spiegato Diana -. La spiaggia libera è un bene comune e abbiamo il diritto di godercela senza incorrere in rischi. A muoverci è stato lo spirito di condivisione e un progetto comune che si chiama 'Castel Volturno Vivila'. Voglia di emergere e desiderio di crescita sociale ed economica, contraddistinguono questo progetto, che si arricchirà sempre di più fino a raggiungere l'apice e a contribuire inesorabilmente al cambiamento voluto per il nostro territorio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due casi fuori la 'zona rossa' di Mondragone. Un nuovo caso anche a Falciano

  • Zona rossa a Mondragone, pediatri di famiglia preoccupati: "Scaricate l'app Immuni"

  • Sgominata la banda dei magazzinieri: arresti anche nel casertano

  • Macchia nera in mare, era letame. Denunciati padre e figlio

  • Schiavone: "La Provincia era un ente permeabile grazie a Ferraro e Cosentino"

  • Droga venduta al bar sull'asse Caivano-Caserta, 11 indagati

Torna su
CasertaNews è in caricamento