Paziente muore dopo l'operazione, l'ospedale licenzia il primario

Il provvedimento di licenziamento 'in tronco' preso dal manager del nosocomio

L'ospedale di Caserta

Licenziato senza preavviso per la morte di un paziente di 55 anni, deceduto a seguito di un intervento chirurgico. È il provvedimento preso dal direttore generale dell’ospedale ‘Sant’Anna e San Sebastiano’ di Caserta, Mario Ferrante, nei confronti di un primario del reparto del reparto di Emodinamica e Cardiologia.

Come riporta ‘Il Mattio’, nella cartella clinica dell'uomo mancava un fattore di rischio relativo all'anestesia, non inserito da uno specializzando che avrebbe dovuto registrare i dati sotto l'assistenza del medico.

I motivi della morte del paziente sarebbero riconducibili a complicazioni sorte per l'intubazione e la magistratura sta ora indagando per fare luce sul presunto caso di "malpractice".

Il manager della struttura sanitaria casertana ha però ritenuto di voler punire duramente la presunta mancanza di etica professionale del medico anche se l'assenza del dato nella cartella clinica del paziente sembrerebbe non essere direttamente collegata al decesso del 55enne

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mani massacrate a martellate: un casertano tra i picchiatori del gruppo Contini

  • La speranza è finita: Fioravante è stato trovato morto

  • Prima uscita pubblica dei renziani: ecco chi ci sarà a Caserta

  • Cenerentola chiude, l'addio in una lettera: "50 anni bellissimi"

  • Il figlio non torna a casa, papà lo trova con gli amici e accoltella un 16enne

  • Blitz di Luca Abete a Marcianise dopo il servizio sul reddito di cittadinanza

Torna su
CasertaNews è in caricamento