Azienda 'abusiva' nell'Asi, Pignetti: "Velardi sapeva e doveva chiuderla"

La presidente del Consorzio: "Abbiamo inviato al sindaco la comunicazione che una società di cui si è interessato in questi giorni non era nostra consorziata. Dismetta l'Asi beach e torni in Comune a leggere le carte"

La presidente Asi Raffaela Pignetti

Antonello Velardi dismetta l’Asi beach e torni al palazzo di città a leggere le carte”. Raffaella Pignetti, presidente del Consorzio Asi Caserta, entra nuovamente nella polemica col sindaco di Marcianise che ha “occupato” la zona industriale per “verificare” i camion che trasportano i rifiuti nelle aziende. Ma la cosa più interessante è che una delle aziende che il sindaco sta “marcando da vicino” non è neanche consorziata con l’Asi.

“E’ evidente che Velardi non sa - afferma la Pignetti - nonostante questo Consorzio glielo abbia segnalato nel settembre 2017, che una delle ditte a cui fa riferimento non risulta tra quelle convenzionate né paganti. Ciò vuol dire che non ha ricevuto dal Consorzio Asi l’ autorizzazione e che, quindi, sta svolgendo la sua attività in maniera illegittima. Il controllo delle attività industriali spetta al Comune che, dopo la nostra comunicazione, avrebbe dovuto iniziare un processo finalizzato alla chiusura dell’attività. Inoltre, precedentemente all’Asi, anche la Regione, con decreto dirigenziale n.39/2017, aveva messo a conoscenza il Comune dell’insediamento dell’azienda e della relativa attività in zona Asi”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La presidente Asi torna anche sulla vicenda del protocollo diventato carta straccia con Confindustria e Comune di Marcianise. “Il protocollo d’intesa che avevamo sottoscritto, e che il sindaco Velardi ha revocato, aveva l’obiettivo di esercitare il controllo sulle aziende senza autorizzazione e quindi abusive sul nostro territorio. Torno a ripetere che il rispetto e l’applicazione di quel protocollo, che il sindaco Velardi e il presidente di Confindustria Traettino non vogliono far rispettare, sarebbe stato un grande segnale di responsabilità nei confronti delle aziende casertane, sia quelle che operano correttamente, sia quelle sulle quali c’è bisogno di alzare il livello d’attenzione.  Raffaela Pignetti e l’Asi Caserta, in materia ambientale, sono fuori dal palazzo dalla vicenda dell’Ecotransider e sono fuori dal palazzo a Marcianise dal settembre 2017. Mi fa piacere che il sindaco ci abbia raggiunto a fine giugno 2018”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Confiscato un tesoro da 22 milioni di euro all'imprenditore 'amico' dei Casalesi

  • Schianto frontale tra due auto, conducenti gravi in ospedale | FOTO

  • L'ombra dei servizi segreti all'incontro tra Zagaria e l'ex capo del Dap

  • Va a caccia col porto d'armi scaduto, condanna "mini" per 67enne

  • Pensioni minime a 1000 euro. De Luca: "Una giornata storica"

  • Tre casertani positivi al tampone per il coronavirus

Torna su
CasertaNews è in caricamento