"Confindustria vuole deresponsabilizzare le aziende"

Pignetti replica a Traettino: "Messaggio opposto a quello di una fattiva collaborazione"

Raffaella Pignetti

Non si è fatta attendere la replica di Raffaella Pignetti, presidente del Consorzio Asi Caserta, alla mossa inattesa del presidente di Confindustria Caserta, Gianluigi Traettino, che ha rescisso l’accordo firmato lo scorso anno. “L’impegno assunto dall’Associazione datoriale - afferma Pignetti - era quello di svolgere un’azione di sensibilizzazione nel confronti delle aziende insediate per la corresponsione delle quote di gestione e manutenzione delle aree e dei servizi comuni che le stesse, per effetto delle convenzioni sottoscritte all’atto dell’insediamento, sono tenute a versare al Consorzio. Di tale contribuzione il Consorzio s’impegnava, tra l’altro, a darne puntuale e periodica informazione alle aziende, nell’ottica della più assoluta trasparenza”.

Ed aggiunge: “Appare, perciò, del tutto incomprensibile la presa di posizione di Confindustria Caserta, dal momento che nei citati protocolli d’intesa erano anche chiaramente individuati i progetti per i quali sarebbero state destinate le quote versate dalle Aziende e sono esattamente quelli che l’Asi ha messo in cantiere. Allo stato, tanto per dare dei riferimenti concreti, nonostante gli impegni assunti nei suddetti protocolli, nel 2017 l’Asi ha ricevuto dalle aziende poco più di 20.000 euro, neanche il 5% del dovuto, a fronte dei circa 160mila spesi dal Consorzio, solo nel secondo semestre, per interventi di manutenzione e ripristino della viabilità”.

La Pignetti chiarisce: “L’Ente ha già avviato a gara, presso la stazione unica appaltante della Provincia, l’esecuzione dei lavori contenuti nei protocolli, riguardanti la manutenzione strade consortili Agglomerato Marcianise – San Marco e Aversa Nord 1° stralcio” con rifacimento della pavimentazione per una spesa di 155.369,22 euro; la realizzazione della rete idrica area ex Pozzi – Agglomerato Volturno Nord” - Impegno di spesa 89.860,19 euro. Inoltre, sempre in attuazione della programmazione concordata, sono stati già licenziati i progetti esecutivi per il rifacimento della pavimentazione stradale in Agglomerato Marcianise, Caserta- Ponteselice e Aversa Nord, per un impegno di spesa di circa 800mila euro. Si ribadisce che tali progetti fanno parte della programmazione contenuta nei protocolli, condivisa e sottoscritta da Confindustria Caserta e dai Comuni, con l’obiettivo di portare a soluzione almeno le problematiche più urgenti che incidono negativamente sulla vivibilità delle aree industriali e sull’attività delle aziende. Ciò in attesa dei finanziamenti regionali per gli interventi di largo respiro che sono, quelli sì, destinati alla manutenzione straordinaria e a nuova infrastrutturazione. I tempi di realizzazione sono legati a due fattori fondamentali: a quelli prescritti dalla legge in materia di appalti per gli enti pubblici e all’effettiva riscossione delle quote. Evidente che il messaggio lanciato da Confindustria Caserta va nella direzione opposta a quella di una fattiva collaborazione istituzionale, incoraggiando un atteggiamento di deresponsabilizzazione da parte delle aziende che non potrà che contribuire a peggiorare la condizione delle aree industriali”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, i sindaci chiudono le scuole per tutta la settimana

  • Psicosi coronavirus, monitorati altri 2 casi nel casertano. Sono rientrati dal Nord nelle ultime ore

  • Psicosi coronavirus, caso sospetto in ospedale: attivato il protocollo sanitario

  • Mamma costretta a fare orge per mantenere la figlioletta: "Se smetti ti uccidiamo"

  • Latitante arrestato in una villetta del casertano, in manette anche un commerciante

  • Sevizie dopo le proposte in chat, la 'sorpresa' su viale Carlo III: ecco come ha agito la baby gang

Torna su
CasertaNews è in caricamento