I due incarichi per i Pics rischiano di trasformarsi in un "giallo"

In una nota dell'ispettorato del ministero si raccomandava di escludere dalle commissione "determinate figure". Ed emerge il nodo di Guido Rossi, ex assessore della giunta ed attuale vice presidente dell'Ordine dei Commercialisti

La lettera dell'ispettore del ministero al segretario del Comune di Aversa

Presi della crisi politica che attanaglia ormai da oltre tre mesi la maggioranza guidata da Enrico De Cristofaro, è possibile che  sia scappato un errore non da poco sul piano amministrativo. Nelle scorse settimane, infatti, sono stati affidati gli incarichi per il Piano integrato di città sostenibile, un progetto di 13 milioni di euro sul quale il sindaco di Aversa ha puntato molto (se non tutto) per il rilancio dell’azione amministrativa, che è stato vinto da Luigi Baldi e Nicola De Cristofaro, due commercialisti di Aversa che hanno lo studio allo stesso indirizzo dell’assessore Raffaele De Gaetano.

Ma a parte questa coincidenza (che sicuramente sarà tale…) ciò che fa nascere qualche dubbio è che all’interno della commissione di gara sia stato inserito Guido Rossi, attuale vice presidente dell’Ordine dei Commercialisti di Napoli Nord, nonché ex assessore della giunta De Cristofaro. Ma proprio l’attuale ruolo nell’ordine potrebbe provocare un giallo negli uffici comunali che pure dovrebbero essere al corrente della nota inviata lo scorso mese di febbraio alla segretaria generale del Comune di Aversa Anna Di Ronza dal vice prefetto Anna Maria Ambrosini, dirigente del’Ispettorato per la funzione pubblica per la Presidenza del Consiglio dei Ministri.

Nella missiva indirizzata al Comune di Aversa, relativamente ad un esposto sulla selezione per il nuovo dirigente all’Urbanistica, si ricordava che i componenti della commissione di valutazione “debbono essere esclusivamente esperti di provata competenza nelle materie di concorso, scelti tra funzionari delle altre ammistrazioni, docenti ed estranei alle medesime, che non siano componenti dell’organo di direzione politica dell’amministrazione, che non ricopra cariche politiche e che non siano rappresentanti sindacali o designati dalle confederazioni ed organizzazioni sindacali o dalle associazioni professionali”. Ed è proprio quest’ultima accezione di “associazioni professionali” che potrebbe far sorgere qualche dubbio sulla posizione di Rossi, visto che attualmente ricopre la carica di consigliere dell’Ordine con delega da vice presidente. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'ordine di morte di Sandokan: "I parenti dei pentiti devono morire"

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • L'imprenditore pentito accusa la sua rete di prestanome

  • Tragedia in ospedale, bambina muore dopo il parto

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Aggredisce i passanti, fermato dal campione di arti marziali

Torna su
CasertaNews è in caricamento