Comune sciolto per camorra, i Dem contro l'ex sindaco: "Basta vittimismo"

Pd e associazione 'Democratici ortesi' attaccano Andrea Villano e chiedono ai commissari prefettizi un cambio di passo nel governo della città

L'ex consigliere Pd Vincenzo Gaudino e l'ex sindaco Andrea Villano

"Lo scioglimento del consiglio comunale di Orta di Atella per infiltrazione camorristica ha nei fatti anticipato lo scenario politico devastante, che si è delineato, ancora una volta e con un maggiore grado di collusione con le forze malavitose, sul nostro martoriato territorio". Dopo più di sette mesi dallo scioglimento decretato dal consiglio dei ministri, su proposta del ministro dell'Interno Luciana Lamorgese, il Partito democratico di Orta di Atella e l'associazione 'Democratici ortesi' intervengono a gamba tesa sulla questione, criticando fortemente l'ex sindaco Andrea Villano.

"Per senso di responsabilità e per amore verso il nostro paese, mai abbiamo utilizzato queste anticipazioni per fini politici e per attacchi strumentali ai soggetti politici della ex maggioranza - sottolineano Pd e gli attivisti dell'associazione - Sarebbe, però, opportuno che il 'sindaco sciolto' ponesse fine alle farneticazioni indirizzate agli esponenti dell’opposizione, etichettati, attraverso ridicoli e infantili post sul web, come 'odiatori seriali', 'sfasciacarrozze', 'invidiosi', 'rancorosi' e tanti altri epiteti, frutto di pochezza mentale, dedicando, invece, un poco di tempo a riflettere sulle scelleratezze della sua gestione politica ed amministrativa. Si renderebbe conto di dovere porgere le sue scuse alla nostra intera comunità per aver condotto il nostro paese, in poco tempo, nel baratro assoluto. Farebbe, ancora, meglio a dedicare un po’ di tempo ad un’attenta, serena ed obiettiva rilettura delle scelte politiche, che hanno contrassegnato la formazione delle sue liste, l’individuazione della sua squadra di governo e la sua scellerata e catastrofica proposta progettuale e gestionale, evitando, per dignità personale e per rispetto verso il popolo intero, di fare proclami e lanciare invettive. Un ex primo cittadino che, come un bambino capriccioso, preannuncia, come atto di sfida verso le istituzioni da cui è stato cacciato, ancora un impegno diretto nel futuro politico e amministrativo del nostro paese, senza preoccuparsi minimamente di chiarire la complicata e delicata situazione che ha, lui stesso, determinato, assumendosene, magari, come affermano, fra l’altro, anche 'autorevoli' esponenti dell’ex maggioranza, la totale paternità".

"Farebbe, quindi, cosa utile, se attendesse, con rispetto, l’esito dei procedimenti giudiziari in corso, ponendo fine all’ennesimo teatrino, inscenato con quel senso di vittimismo - continuano - Anche perché non riuscirà, certamente in questo modo, a far dimenticare la vergogna che i concittadini, ancora una volta, hanno dovuto sopportare. Un evento infausto, l’ennesimo, che delinea in maniera ancora più netta, un quadro della passata amministrazione comunale, addirittura più preoccupante di quello descritto nella relazione di scioglimento. Senza dubbio, la carovana circense del passato governo cittadino resterà negli annali della città, come la peggiore esperienza che Orta di Atella potesse fare. Nel frattempo, i problemi si accumulano ed ai commissari prefettizi chiediamo un cambio di passo. Riteniamo improcrastinabile, infatti, una rilettura attenta della situazione attuale, alla luce di quanto espresso nella relazione di scioglimento del consiglio comunale ed, in particolar modo, degli ultimi incresciosi avvenimenti, che hanno coinvolto il nostro Paese, per neutralizzare presenze che hanno sistematicamente espresso stretta e costante vicinanza al governo cittadino e che, ancora oggi, potrebbero creare condizionamenti operativi e silenzi strategici, rallentando l’azione di ripristino della legalità da parte della terna commissariale. Basti pensare che l’unico parco giochi pubblico resta chiuso, abbandonato a se stesso, senza che si intravedano iniziative e proposte per una soluzione definitiva. Come restano chiusi, ancora e senza alcuna indicazione su quando riprenderanno a funzionare, il campo sportivo ed il palazzetto dello sport. Del nuovo cimitero, si è, ormai, persa ogni traccia".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Riteniamo, poi, quanto mai opportuna la rimodulazione degli incarichi assegnati da un sindaco sciolto per infiltrazione camorristica. In primis l’incarico di presidente della società partecipata Acquedotti Scpa. Vorremmo, inoltre, conoscere che tipo di provvedimenti intenda prendere la commissione prefettizia in merito al Piano Urbanistico Comunale di Orta di Atella, principale motivo di scioglimento, di cui, prima l’ideatore e poi l’estensore, sono, entrambi, finiti in carcere per associazione a delinquere di stampo camorristico. Chiediamo, in poche parole, ai commissari che facciano sentire in modo forte la presenza dello Stato, favorendo anche un indispensabile confronto con le forze politiche, sociali e culturali di Orta, quelle non implicate nel provvedimento di scioglimento, attraverso il quale determinare un percorso operativo proficuo per la soluzione delle spinose problematiche del nostro territorio. Chi ha tempo, non aspetti tempo", concludono il Pd e l'associazione 'Democratici ortesi'.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morti al ritorno dal mare, lacrime e dolore per l’addio a Donato ed Asia

  • Le nuove leve dei Casalesi con a capo il figlio del boss: 18 arresti

  • Pentito svela la 'strategia del clan': "Bloccavamo gli imprenditori di Zagaria in cambio del 10% dell'appalto"

  • False ricette per intascare i soldi dall'Asl Caserta: chiuse le indagini per 14 persone

  • Botto in autostrada, auto distrutte dopo lo schianto | FOTO

  • Le confessioni in carcere del rampollo: “10mila euro al mese al padre ergastolano. Ha incontrato Zagaria a Modena”

Torna su
CasertaNews è in caricamento