Completato il parcheggio per la scuola, stoccate dell’assessore dopo le critiche

Buonpane risponde alle accuse: “Chi parla ha speso 33mila euro per un bocciodromo mai utilizzato”

In via Campanello, dopo i tanti interventi posti in essere negli edifici scolastici sotto l’osservazione degli assessori Mariarosaria Colella (Pubblica Istruzione) e Pasquale Buonpane (Lavori Pubblici e Urbanistica), l'amministrazione comunale di Teverola non si ferma. 

Proprio dove durante il periodo scolastico si soffre per gli ingorghi della circolazione stradale, è stato realizzato un utile parcheggio. “Con circa 14 mila euro, abbiamo rimesso in sesto quell’area, che ben potrà garantire un maggiore fluidificarsi del traffico”, fa sapere l’assessore Buonpane che ha voluto fortemente iniziare proprio dalle scuole per rappresentare la vicinanza dell’amministrazione targata Tommaso Barbato al vero settore “fertile” della città: la scuola e gli studenti.

Dalla maggioranza arrivano poi stoccate pesanti a chi nei giorni scorsi ha fatto arrivare dure critiche per i lavori: “Occorre fare anche un po’ di chiarezza. L’area, che in fase sperimentale potrà essere utilizzata dai docenti e dal personale scolastico, è stata oggetto, qualche giorno fa, di critiche da parte di qualche sedicente amministratore che ne ha denunciato il degrado. Un autogol! E sapete perché? Il degrado di cui vorrebbe parlare il sedicente amministratore, appartiene vergognosamente al periodo del suo mandato. Ma non sarebbe grave questo, se non prendessimo in considerazione anche il fatto che in quel piazzale sono stati spesi, sempre dal sedicente amministratore, ben 33mila euro per l’adeguamento di un bocciodromo mai utilizzato e in condizioni di degrado! Ai cittadini il giudizio. In sintesi: chi critica ha speso 33.000 euro per un bocciodromo mai utilizzato dalla popolazione. Chi opera ne ha spesi 14.000 per l'intero parcheggio”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Aggredisce i passanti, fermato dal campione di arti marziali

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Camorra, l’allarme della Dda: “Casalesi 2.0 più insidiosi del vecchio clan”

Torna su
CasertaNews è in caricamento