"Non vi paghiamo, andiamo in dissesto". E' guerra tra Comune e Provincia

Affidato incarico ad un avvocato per presentare ricorso

La Provincia di Caserta, negli ultimi giorni del 2018, ha notificato a tutti i Comuni della Provincia, il pagamento, attraverso un’ordinanza ingiuntiva, delle quote di competenza provinciale in materia di Tarsu/Tia per gli anni 2010, 2011 e 2012. Al Comune di Cesa è stato chiesto di pagare 408mila euro (entro 30 giorni) ma il sindaco Enzo Guida non ci sta e sottolinea che “i soldi non ci sono, se paghiamo portiamo l’Ente al dissesto”. E quindi ecco il ricorso presentato ad una richiesta “indebita ed illegittima”. La difesa del Comune di Cesa è stata affidata all’avvocato Giuseppe Gentile, il cui compenso sarà di 2mila euro (oltre Iva).

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Aggredisce i passanti, fermato dal campione di arti marziali

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Camorra, l’allarme della Dda: “Casalesi 2.0 più insidiosi del vecchio clan”

Torna su
CasertaNews è in caricamento