Ospedale, svolta dopo l'incontro in Regione: "Sarà promosso a Dea di primo livello"

Il pressing dei sindaci sul governatore porta ad un cambio di rotta

I sindaci del matese presenti all'incontro in Regione

L'ospedale di Piedimonte Matese diventerà Dea di primo livello: la Regione Campania ha dato il suo beneplacito. Esito positivo per il vertice tenutosi lunedì sera presso la sala giunta di Palazzo Santa Lucia a Napoli con i 17 sindaci della Comunità Montana del Matese, le massime rappresentanze della sanità regionale, il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, l'assessore Sonia Palmieri, il consigliere Regionale Giovanni Zannini ed i consiglieri provinciali Olga Diana e Michele Di Martino.

La criticità portata all'attenzione del governatore De Luca riguardava il Piano Regionale di Programmazione della Rete Ospedaliera riattivo al declassamento dell'unico presidio ospedaliero dell'area matesina. "Si apre uno spiraglio serio per ripristinare le migliori condizioni di offerta sanitaria dell'ospedale di Piedimonte Matese - afferma il consigliere regionale Giovanni Zannini - insieme ad Olga Diana e Michele Di Martino siamo schierati dalla parte della Comunità del Matese a discapito di chi ha cercato in più occasioni e con mezzi subdoli di fare loro uno sgambetto".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il riconoscimento del presidio ospedaliero matesino quale DEA di primo livello comporta il ripristino delle Unità Operative Complesse di Chirurgia Generale, Ortopedia, Anestesia e Rianimazione e la previsione di posti letto per le unità di Anestesia e Rianimazione con l'ufficialità di postazioni già erogate sul territorio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le nuove leve dei Casalesi con a capo il figlio del boss: 18 arresti

  • Pentito svela la 'strategia del clan': "Bloccavamo gli imprenditori di Zagaria in cambio del 10% dell'appalto"

  • False ricette per intascare i soldi dall'Asl Caserta: chiuse le indagini per 14 persone

  • Sgominata la banda dei magazzinieri: arresti anche nel casertano

  • Le confessioni in carcere del rampollo: “10mila euro al mese al padre ergastolano. Ha incontrato Zagaria a Modena”

  • Tragedia al ritorno dal mare: muore 19enne, grave il fratello

Torna su
CasertaNews è in caricamento