Coronavirus, stretta di De Luca su chi rientra dal Nord. Controlli alle stazioni di Caserta ed Aversa

Il presidente della Regione firma un'altra ordinanza dopo il decreto di due ministri

Il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca

Vincenzo De Luca non ferma la propria “guerra personale” per cercare di evitare l’aumento esponenziale dei contagi da coronavirus in Campania. Dopo il decreto firmato dai ministri della Salute Roberto Speranza e dal capo del Viminale Lamorgese che vietano gli spostamenti dal proprio comune di residenza, il presidente della Regione Campania ha firmato una nuova ordinanza, ‘dedicata’ in particolare a coloro che potrebbero tornare dal Nord nel momento in cui il premier Giuseppe Conte firmerà il decreto per la chiusura delle attività produttive.

“Fermo restando quanto stabilito dal decreto del Ministro della Salute e del Ministro dell’Interno - si legge - con decorrenza da oggi e fino al 3 aprile 2020, a tutti i soggetti provenienti dalle altre regioni d’Italia o dall’estero, che faranno ingresso in regione Campania o vi abbiano fatto ingresso negli ultimi 14 giorni per rientrare nel territorio regionale, è fatto obbligo di comunicare tale circostanza al Comune e al proprio medico di medicina generale ovvero al pediatra di libera scelta o all’operatore di sanità pubblica del servizio di sanità pubblica territorialmente competente; di osservare la permanenza domiciliare con isolamento fiduciario, mantenendo lo stato di isolamento per 14 giorni dall’arrivo, con divieto di contatti sociali; di osservare il divieto di spostamenti e viaggi; di rimanere raggiungibile per ogni eventuale attività di sorveglianza; in caso di comparsa di sintomi, di avvertire immediatamente il medico di medicina generale o il pediatra di libera scelta o l’operatore di sanità pubblica territorialmente competente per ogni conseguente determinazione”.

Stando al nuovo provvedimento del governatore “le disposizioni dell’ordinanza numero 8 dell’8 marzo 2020 in ordine all’obbligo, per i concessionari di servizi di trasporto aereo, ferroviario e di lunga percorrenza su gomma, di acquisire e mettere a disposizione delle Forze dell’Ordine e dell’Unita’ di Crisi regionale istituita con decreto del Presidente della Giunta Regionale n.45/2020, dei Comuni e delle Asl, i nominativi dei viaggiatori con destinazione aeroporti e le stazioni ferroviarie, anche dell’Alta velocità, del territorio regionale sono confermate ed estese al rientro da tutte le regioni d’Italia e dall’estero”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A tutti i viaggiatori in arrivo “anche per motivi consentiti dalle vigenti disposizioni nazionali e regionali, alle stazioni ferroviarie di Napoli, Napoli Afragola, Salerno, Caserta, Benevento nonché Battipaglia, Aversa, Sapri, Eboli, Vallo della Lucania, con treni che effettuano collegamenti interregionali, è fatto obbligo di sottoporsi alla rilevazione della temperatura corporea, secondo le modalità organizzate presso le singole stazioni, in conformità a quanto previsto con il provvedimento; compilare l’autocertificazione, secondo il format diramato dal Ministero dell’interno e diffusamente in uso su tutto il territorio nazionale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bambino casertano di 3 anni trovato morto vicino al fiume

  • Donna trovata morta nel letto di casa: aveva 40 anni

  • Coronavirus, Annamaria non ce l'ha fatta. Muore dopo il ricovero

  • Bimbo morto, i genitori di Diego rompono il silenzio dopo 5 giorni

  • Coronavirus, contagiata donna di 40 anni: è in ospedale

  • Malore improvviso, ragazzo di Aversa muore in Spagna

Torna su
CasertaNews è in caricamento