'Casal di Portici', bufera sul manifesto di LeU. Il sindaco: "Offensivo verso la città"

Natale replica a Iacomino: "Luoghi comuni desueti, chieda scusa". Sgambato: "Vertici nazionali del partito si dissocino"

Il sindaco di Casal di Principe Renato Natale

"Casal di Portici ... Legalità Sospesa". E' questo il titolo di un manifesto dell'opposizione consiliare del Comune napoletano che accosta, ancora una volta, il territorio casalese alla malavita ed alla cattiva gestione della cosa pubblica.

Un manifesto che ha trovato la ferma risposta del sindaco Renato Natale che non la manda a dire al consigliere Salvatore Iacomino accusato di "utilizzare luoghi comuni desueti" senza rendersi conto "degli enormi passi avanti fatti da questa Comunità Casalese, oramai simbolo, in Italia, di riscatto, legalità e trasparenza piuttosti che di criminalità, come invece sembra intendere lei".

Di qui la richiesta, da parte di Natale, di scuse dinanzi ad un'uscita infelice che ha offeso "tutti i cittadini onesti" di Casal di Principe.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Argomentare per luoghi comuni è la cosa più facile, ma anche la più pericolosa. Tirare in ballo il buon nome di Casal di Principe, gettando fango sulla comunità che la abita, è ormai diventato uno sport - commenta Camilla Sgambato - Mi auguro che la cosa venga stigmatizzata dai vertici del Partito e che si provveda a chiedere scusa ad una comunità laboriosa, che vive in una terra difficile e che certo non si giova del fango che le viene gettato addosso di continuo e senza alcuna ragione. “Esprimo la solidarietà mia e del Partito Democratico a tutta la città di Casal di Principe e all’amministrazione che la rappresenta, guidata dal sindaco Renato Natale”, conclude.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Casalesi in Veneto, i figli pentiti dei boss testimoni con Zaia e Lamorgese

  • Due casi fuori la 'zona rossa' di Mondragone. Un nuovo caso anche a Falciano

  • Zona rossa a Mondragone, pediatri di famiglia preoccupati: "Scaricate l'app Immuni"

  • Macchia nera in mare, era letame. Denunciati padre e figlio

  • Sgominata la banda dei magazzinieri: arresti anche nel casertano

  • Schiavone: "La Provincia era un ente permeabile grazie a Ferraro e Cosentino"

Torna su
CasertaNews è in caricamento