Maxi multa per chi va a prostitute, il commissario 'firma' la linea dura

L’ordinanza del vice prefetto Lastella, nuova guida del Comune dopo la sfiducia a Velardi

Il primo atto da commissario prefettizio alla guida del Comune di Marcianise. È l’ordinanza firmata lunedì dal vice prefetto Michele Lastella, nominato dal prefetto di Caserta Raffaele Ruberto dopo la sfiducia in Consiglio all’ormai ex sindaco Antonello Velardi, e che riguarda il problema della prostituzione.

Il commissario ha infatti promossa una ordinanza “per prevenire e contrastare gravi pericoli che minacciano la sicurezza urbana, la circolazione stradale, l’igiene e l’incolumità pubblica, offerendo la pubblica decenza, ledendo i diritti di libertà, dignità ed integrità della persona”.

Nell’ordinanza valida fino al 21 maggio 2020 il Comune fissa a 450 euro la sanzione amministrativa per chi viola il provvedimento firmato dal commissario. Nel testo si fa riferimento al divieto di “concordare prestazioni sessuali a pagamento, ovvero intrattenersi, anche dichiaratamente solo per chiedere informazioni, con soggetti che esercitano l’attività di meretricio su strada o che per l’atteggiamento, ovvero per l’abbigliamento, ovvero per le modalità comportamentali manifestano comunque l'intenzione di esercitare l’attività consistente in prestazioni sessuali”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le auto di lusso del "signore della cocaina" nascoste in un garage casertano

  • La Dea Bendata bacia Caserta con una quaterna da 124mila euro

  • Benzina 'truccata', la finanza sequestra distributore di carburante

  • Scuole chiuse in provincia di Caserta: ecco i sindaci che hanno già firmato

  • “Un Mose anche per Caserta”. La foto che fa il giro del web

  • Il convento delle suore finite sotto indagine diventa proprietà del Comune

Torna su
CasertaNews è in caricamento