Muore a 20 anni nello schianto: “Meglio una multa salata che un figlio al cimitero”

La parole del parroco di Caivano Maurizio Patriciello sul tragico incidente che ha coinvolto Pasquale Cozzolino

Pasquale Cozzolino, il 20enne morto nell'incidente stradale

“Il Signore lo accolga tra le sue meravigliose braccia e doni ai genitori tanta consolazione”. Sono le parole utilizzate da padre Maurizio Patriciello, parroco di Caivano e da tempo in prima linea nelle battaglie contro camorra e roghi di rifiuti, per commentare il tragico incidente stradale che ha spezzato la vita di Pasquale Cozzolino, 20enne di Orta morto nella notte tra sabato e domenica ad Arzano.

Il prete ha inoltre commentato le ‘voci’ apparse sui social sulla vicenda, secondo le quali il ragazzo prima dell’incidente stesse guidando ad alta velocità: “Morire in giovanissima età per imprudenza è veramente un peccato. Per questo povero giovane, ormai, possiamo solo pregare. Per tutti gli altri dobbiamo alzare la voce e pretendere che facciano gli uomini seri. Rispettosi delle regole della strada, della vita degli altri e della loro. Sperando che le forze dell’ordine siano severissime quando li colgono in fallo. Meglio una multa salata, una macchina sequestrata, una patente ritirata, che un figlio al cimitero. Il Signore abbia pietà di noi. Vi benedico”.

Potrebbe interessarti

  • Invasioni di formiche? Ecco alcuni consigli per eliminarle

  • Clownterapia a Caserta: la missione degli 'angeli' dei bambini travestiti da clown

  • Sì alla detox, ma non d'estate. L'esperta: "Vi spiego perché"

  • Piscine interrate: tipologie e costi

I più letti della settimana

  • Via libera ai tutor, partono le multe per gli automobilisti

  • L'abbraccio col papà, il bacio a Carolina: Alfonso Golia si scioglie per la vittoria I FOTO

  • Sequestrati 70 chili di cozze: maxi multa per 4

  • Ufficiale il nuovo consiglio comunale: tutti gli eletti di Aversa

  • Tribunale "sgomberato" per l'arrivo del boss dei Mazzacane

  • Ucciso per errore dalla camorra: Salvini blocca il risarcimento ai familiari

Torna su
CasertaNews è in caricamento