Il Comune a caccia di 5mila evasori dell'acqua

C'è un buco di oltre 1,2 milioni di euro nelle casse dell'Ente

Il numero dei morosi è emerso dopo i controlli del Comune

Arrivano brutte notizie per i cittadini che non hanno pagato le bollette dell'acqua a Maddaloni.

I controlli effettuati dall'ufficio tributi del Comune, sui dati informatici forniti dalla Iap (ditta responsabile del servizio di riscossione dei canoni idrici fin quando non è fallita nel 2016) hanno portato alla luce ben 5931 utenti morosi nell'anno 2014.

La somma da recuperare è di oltre 1,2 milioni di euro e il Comune provvederà entro il 31 dicembre di quest'anno ad inviare ai morosi un sollecito di pagamento urgente per evitare la prescrizione del credito.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A tal proposito è stato affidato alla Dedagroup Services, attraverso la determina firmata da Filomena Cardone e Giacomo De Angelis, rispettivamente responsabili dell'ufficio tributi e dell'ufficio ruolo acqua, il compito di elaborare ed inviare a mezzo posta i solleciti di pagamento. Tale affidamento costerà all'Ente poco più di 31mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morti al ritorno dal mare, lacrime e dolore per l’addio a Donato ed Asia

  • Le nuove leve dei Casalesi con a capo il figlio del boss: 18 arresti

  • Pentito svela la 'strategia del clan': "Bloccavamo gli imprenditori di Zagaria in cambio del 10% dell'appalto"

  • False ricette per intascare i soldi dall'Asl Caserta: chiuse le indagini per 14 persone

  • Botto in autostrada, auto distrutte dopo lo schianto | FOTO

  • Le confessioni in carcere del rampollo: “10mila euro al mese al padre ergastolano. Ha incontrato Zagaria a Modena”

Torna su
CasertaNews è in caricamento