Mensa scolastica, i 5 Stelle: "Atti alla Corte dei Conti"

I grillini vogliono una commissione speciale per ‘indagare’ sull’appalto

La battaglia sull’appalto per la refezione scolastica di Aversa potrebbe finire all’Anac, l’autorità nazionale anticorruzione guidata dal magistrato Raffaele Cantone, e alla procura della Repubblica presso la Corte dei Conti. È quanto “minacciato” dal Movimento 5 Stelle, che il 25 maggio ha protocollato una mozione in cui intende fare chiarezza sulla corretta esecuzione dell’appalto.

Nel mirino dei grillini vi è in particolare il periodo in cui si è proceduto in mancanza della figura istituzionale del Direttore dell’esecuzione del contratto, per le dimissioni del responsabile Fabio Ucciero, e sul successivo conferimento dell’incarico di Dec a Tommaso Mastronardi, avvenuto con la determina n.209 del 24 aprile. Il Movimento 5 Stelle ha quindi chiesto che venga istituita una commissione speciale per la verifica puntuale del contratto di appalto.

I grillini si sono fatti portavoce, si legge in una nota, “della richiesta dei genitori aversani che hanno lamentato per lungo periodo la non trasparenza dell’amministrazione aversana circa la corretta esecuzione del contratto per la refezione scolastica, soprattutto sui dovuti controlli tecnico-scientifici e sulle condizioni oggettive del servizio, legate sia alle condizioni igieniche relative alla somministrazione dei pasti che a quelle riguardanti la qualità degli alimenti quando, per un lungo periodo da novembre 2017 ad aprile 2018, nessun organo competente, e che avesse  la possibilità di segnalare le irregolarità della somministrazione nella refezione al fine di far scattare le dovute sanzioni, era incaricato”.

Il Movimento chiede al sindaco Enrico de Cristofaro e alla sua giunta di “rispondere alla necessità di apprendere i contenuti dell’offerta tecnica migliorativa con cui la ditta “La Mediterranea” si è aggiudicata la gara, per verificare se le caratteristiche merceologiche dei prodotti e quindi la qualità delle materie prime corrisponde a quanto stabilito nel capitolato speciale di appalto. Inoltre si chiede di verificare se la prassi di attribuire ai genitori il compito di lavare le stoviglie, abbia o meno, rilievi sia dal punto di vista della corretta esecuzione del contratto sia dal punto di vista igienico sanitario”.

Ultimo punto al centro delle richieste dei 5 Stelle è la nomina del nuovo Direttore dell’esecuzione del contratto. I grillini infatti chiedono all’amministrazione di “chiarire i motivi che hanno portato ad individuare se l’attuale Ded nell’ambito delle risorse umane del Comune di Aversa, contrariamente a quanto avvenuto per la scelta di Fabio Ucciero (avvenuta a seguito di procedura di selezione pubblica), avesse le capacità tecnico professionali richieste dalle linee guida ANAC 3”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Doppio agguato di camorra, giallo sull'auto del commando

  • Schianto tra auto e camion sulla statale: ferita 27enne | FOTO

  • Ragazza investita dal treno merci mentre è sui binari

  • Omicidio Vannini, le troupe televisive a Caserta alla ricerca di Antonio Ciontoli

  • Assalto fuori la banca, ferita una guardia giurata

  • Camion non si 'accorge' del ponte di Ercole e paralizza il traffico | FOTO

Torna su
CasertaNews è in caricamento