Senza stipendio da 3 mesi, lavoratore colto da malore durante la protesta | FOTO

La manifestazione dei dipendenti della ditta rifiuti che si occupano del servizio di igiene urbana a Cesa

Il lavoratore colto da malore

Un lavoratore della ditta Balga è stato colto da malore questa mattina mentre era in corso una riunione al Comune di Cesa per il mancato pagamento degli stipendi. L'uomo si è sentito male ed è stato trasportato all’ospedale ‘Moscati’ di Aversa. Insieme ad altri colleghi, il dipendente aveva chiesto un confronto con il sindaco Enzo Guida anche per avere chiarimenti circa i pagamenti degli stipendi che ormai tardano da oltre tre mesi.

Il primo cittadino infatti aveva promesso di ‘sostituirsi’ alla ditta precedente alla Balga (la Dhi) come Comune per il pagamento delle spettanze, come è previsto dalla legge, e quindi di procedere contestualmente a risolvere la questione con la nuova ditta, la Balga, che oltre a non assicurare un buon servizio, continua a non pagare le maestranze. Il sindaco infatti sta andando proprio in questa direzione anche per consentire che queste famiglie ricevano i soldi per il lavoro svolto.

Ed infatti ha convocato per domani un incontro con la società Balga che oggi gestisce il servizio rifiuti. Sarà un incontro risolutivo visto che l’azienda potrebbe comunicare al Comune di voler lasciare il cantiere in maniera volontaria. Se così non dovesse accadere l’Ente è pronto a revocare l’aggiudicazione. Gli uffici hanno elevato una serie di contestazioni, non solo legate al mancato espletamento del servizio, ma anche in ordine al mancato rispetto dell’offerta tecnica. Oggi infatti vi è stata l’ennesima giornata di disservizi, con l’umido lasciato a terra.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Aggredisce i passanti, fermato dal campione di arti marziali

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Camorra, l’allarme della Dda: “Casalesi 2.0 più insidiosi del vecchio clan”

Torna su
CasertaNews è in caricamento