Lavoro, i sindacati incontrano Di Maio prima del vertice in Prefettura

Cgil, Cisl e Uil incassano l'impegno del Governo: "Un tavolo Ministeriale per affrontare la questione"

I sindacati hanno incontrato Di Maio

La presenza dei vertici del Governo a Caserta ha rappresentato anche l'occasione per fare il punto non solo sulle tematiche ambientali ma anche su quelle che riguardano lo sviluppo ed il lavoro. I rappresentanti di Cgil, Cisl e Uil hanno incontrato il Ministro Luigi Di Maio che si è impegnato ad aprire un Tavolo Ministeriale che affronti la questione lavoro sul territorio.

Sono stati Matteo Coppola (Cgil), Giovanni Letizia (Cisl) e Antonio Farinari (Uil), a chiedere al Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali un impegno importante. “I temi che abbiamo posto al centro – spiegano i sindacati in una nota congiunta - sono ovviamente i temi del lavoro della provincia di Caserta, non poteva essere altrimenti, ma soprattutto quello che abbiamo chiesto con forza è di poter aprire un tavolo ministeriale al mese su Caserta, che esuli dalla vertenzialità ordinaria, aprire dunque un momento di confronto costante con Cgil, Cisl e Uil della provincia per cercare di capire che sviluppo si può programmare in Terra di Lavoro. Un’attenzione particolare alle Zes, le zone economiche speciali, noi siamo la prima area del Mezzogiorno in merito e abbiamo chiesto al Governo la generazione del decreto di esemplificazione, vale a dire un decreto che fornisca tutta una serie di vantaggi fiscali alle aziende che vengono a investire sul territorio. La risposta del Ministro è stata sicuramente confortante, “Il Governo sta lavorando proprio su questo aspetto e a breve dovrebbe uscire il Decreto”.

All’interno di questa discussione, inoltre – continua la nota - abbiamo posto una serie di questioni che sicuramente sono esplicitamente connesse alle richieste precedenti, per esempio quella del Bacino di Crisi dei lavoratori. Ricordiamo che questa forza lavoro proviene tutta da vecchi accordi di programma sottoscritti con le istituzioni dell’epoca e che ovviamente, ancora oggi, sono un capitale umano assolutamente ricollocabile, attraverso percorsi di formazione mirata, legati certamente allo sviluppo. Noi, come organizzazioni sindacali immaginiamo per loro una risposta di protezione specifica e questo abbiamo sottolineato al Ministro: non possono essere pensati altri tipi di risposte per questi lavoratori, dobbiamo individuare per queste professionalità percorsi di tutela e ricollocazione specifici, connaturati anche allora loro storia, al loro background formativo, percorsi che possano portare innovazione sul terreno professionale. I lavoratori del Bacino di Crisi sono circa un migliaio, in parte hanno già seguito percorsi formativi e ricollocanti con la Regione Campania, ma molti sono rimasti fuori da queste progettualità delle politiche aziendali. “Costruiremo insieme un percorso condiviso – ha sottolineato Di Maio – un iter che abbia una doppia funzione, che da un lato tuteli i lavoratori e dall’altro li conduca verso una nuova collocazione, verso il lavoro".

Cgil, Cisl e Uil, si aspettano ovviamente risposte in tempi ragionevolmente brevi, tali da poter avviare misure risolutive già a partire dall’inizio del 2019.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La ‘Dea Bendata’ bacia il casertano: vincita record al Lotto

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Torna il maltempo: allerta della Protezione civile nel casertano

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Sparatoria con la polizia, il 'finto militare' può essere processato

  • Muore dopo incidente a scuola, un testimone ha visto Gerardina pochi minuti prima della caduta

Torna su
CasertaNews è in caricamento