Ampliamento 'abusivo' dell'attività, stangata per un commerciante

Il titolare del locale di corso Italia dovrà demolire le opere non autorizzate: ha 90 giorni per farlo

Prima il blitz della polizia municipale e dei carabinieri e ora quindi l'ordinanza del dirigente del Comune di San Marcellino. Il titolare di un'attività commerciale in corso Italia, dovrà demolire le opere abusive realizzate senza alcuna autorizzazione. Secondo quanto rilevato dagli uomini della Municipale e dai carabinieri ci sarebbe una diversa distribuzione di tramezzature interne all'interno dei locali e ci sarebbe stato un ampliamento del locale commerciale di almeno 60 mq con la chiusura di un porticato. E poi non è solo questo perché è risultato che non è stata nemmeno realizzata una rampa di ingresso al piano cantinato come invece previsto dal progetto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per questo motivo è stata ordinata la demolizione delle opere abusive entro 90 giorni dal provvedimento del dirigente comunale. In caso di inottemperanza l'area oggetto di abuso edilizio finirà nella disponibilità dell'Ente. Il titolare dell'attività potrà comunque presentare, qualora lo ritenesse necessario, ricorso al Tar contro il provvedimento,

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Casalesi in Veneto, i figli pentiti dei boss testimoni con Zaia e Lamorgese

  • Due casi fuori la 'zona rossa' di Mondragone. Un nuovo caso anche a Falciano

  • Zona rossa a Mondragone, pediatri di famiglia preoccupati: "Scaricate l'app Immuni"

  • Sgominata la banda dei magazzinieri: arresti anche nel casertano

  • Macchia nera in mare, era letame. Denunciati padre e figlio

  • Schiavone: "La Provincia era un ente permeabile grazie a Ferraro e Cosentino"

Torna su
CasertaNews è in caricamento