Joseph Martone e il suo album ai tempi del coronavirus "per non fermare la musica"

Il cantautore casertano "dalle 2 culture" sta ottenendo un notevole successo con il suo "Honey Birds", finito sulle pagine del magazine francese 'Rolling Stone' che lo definisce "fantastico"

Il cantautore italo-americano Joseph Martone

Un viaggio all'insegna di più territori sonori: dal blues al rock'n'roll, dalla psichedelia al groove acido. Otto canzoni che 'trasudano' amore, dolore, famiglia, amicizia, tradimento, tempo e memoria. Si configura così il primo album da solista del cantautore italo-americano Joseph Martone. E' intitolato "Honey Birds" (dal nome di un uccello australiano simile al colibrì, una metafora che allude allo stare in fila l'uno accanto all'altro) ed è, dal 20 marzo 2020, disponibile su tutte le piattaforme musicali e digitali (Spotify, Apple Music, YouTube, Google Play Music, Amazon Music...) su etichetta Freak House Records.

Le "due culture" come punto di forza

Joseph, casertano di nascita, ha vissuto per 20 anni negli Stati Uniti per poi ritornare stabilmente nel casertano, precisamente a Vitulazio dove gestisce il live bar di famiglia. Ed è proprio questo il punto di forza della sua della sua musica e dunque dell'album "Honey Birds": attingere ai suoni e ai ritmi di queste due culture per creare il suo stile musicale unico. "Ho avuto la fortuna di conoscere due culture, quella americana legata ad una maggiore libertà di espressione e quella italiana fondata sui valori, sulla tradizione, sulla famiglia - spiega Joseph Martone a Casertanews - E tutto ciò si evince dalla mia musica, in cui unisco le melodie mediterranee col folk americano". 

copertina album Honey Birds di Joseph Martone-2

Per il suo album di debutto in solitaria, maturato dopo le esperienze con la band Travelling Souls, Joseph ha arruolato il musicista Taylor Kirk (leader del gruppo canadese Timber Timbre) per la produzione ed e ha utilizzato l'aiuto del collaboratore e co-sceneggiatore di lunga data Ned Crowther. I temi e i suoni del disco hanno preso una direzione più scura e più riflessiva rispetto alle sue passate produzioni. "E' il mio lavoro più dark - afferma il cantautore casertano - Ho voluto raccontare i momenti più scuri della mia vita".

“The Deal” è la prima traccia estratta dal nuovo album, che è stato registrato fra Napoli (al Trail music lab studio da Fabrizio Piccolo) e Montréal (allo Sky Barn Studios di Richard Reed Parry degli Arcade Fire con la regia di Pietro Amato già alla musicista di Patrick Watson e Arcade Fire, Bell Orchestre e The Luyas). Il lavoro è stato masterizzato sempre a Montréal dal Harris Newman (Wolf Parade, Frog Eyes, A Silver Mt. Zion, Vic Chesnutt, Astral Swans, Carla Bozulich) presso il Gey Market Mastering Studio del giro Constellation Records.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un album ai tempi del coronavirus "per non fermare la musica"

"Honey Birds" sta ottenendo un notevole successo all'estero ma anche in Italia, nonostante la sua pubblicazione sia avvenuta ai tempi del coronavirus. Grande riconoscimento ottenuto anche sul magazine 'Rolling Stone France' che ha valutato l'album del cantautore italo-americano con ben 4 stelline su 5. "Anche se risulta difficile promuovere musica in queste circostanze, ho voluto che il disco uscisse lo stesso, perchè non voglio far fermare la musica", dichiara Joseph Martone che poi rivolge la sua attenzione sugli effetti della pandemia e sul contraccolpo subito dal mondo degli artisti: "La situazione è molto complicata e ripartire è davvero dura, soprattutto in Italia dove la musica è considerata da sempre un hobby e non un lavoro - sottolinea Joseph Martone - Il nostro settore è lasciato completamente allo sbando, non sappiamo ancora nulla di ufficiale e di conseguenza non possiamo programmare i nostri concerti". "La situazione per fortuna è completamente diversa all'estero - conclude Joseph Martone - Infatti in Francia ho già in programma due concerti per ottobre".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Omicidio nel cuore di Caserta: uccide la mamma poi si costituisce

  • Sorpreso con la motosega nel bosco, sequestrati 40 quintali di legna | FOTO

  • Sparatoria alla Bnl, fermata la banda di rapinatori

  • L'omicidio del corso: Rubina uccisa dal figlio a coltellate nella notte

  • Cena finisce in tragedia: uccide l’amico con una coltellata al petto

  • Zagaria intercettato in carcere dopo aver chiesto una detenzione 'più soft' al capo del Dap

Torna su
CasertaNews è in caricamento