Rogo al Cdr, la denuncia alla Procura: "L'impianto va sequestrato e chiuso"

Quattro associazioni firmano l'esposto dopo l'incendio che ha bruciato 500 tonnellate di rifiuti

L'incendio al Cdr

Una denuncia alla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere per chiedere che siano disposti una serie di accertamenti sul rogo che ha coinvolto uno dei depositi del Cdr sammaritano venerdì sera. È quella presentata stamattina dalle associazioni “Fermiamo il degrado ambientale”, “Fermiamo i roghi tossici”, Adotta la città", “Comitato per la delocalizzazione dello Stir”, che chiedono ai magistrati di accertare, oltre all’origine del rogo, il rispetto delle prescrizioni di legge sul trattamento dei rifiuti, le misure di sicurezza esistenti nello stabilimento incendiato, con l’obiettivo, in caso di accertate violazioni, di ottenere il sequestro dell’impianto e la sua chiusura

“A nostro avviso- sottolinea Raffaele Aveta - il fermo dello Stir era un atto dovuto almeno in concomitanza dell’incendio e nei giorni successivi per accertare quanto accaduto, le misure di sicurezze realmente esistenti nell’impianto, i livelli di diossina ed altri inquinanti sprigionati nell’aria. Sono anni che chiediamo maggiori controlli sullo Stir, che continua a tormentare la vita dei cittadini sammaritani. L’amministrazione comunale anche nell’ultimo incontro pubblico ci ha sempre assicurato che tutto funzionava per il meglio. Il disastro ambientale di queste ore testimonia il contrario. Già dagli inizi di luglio, dopo l’incendio nel deposito di ecoballe di San Vitaliano, su sollecitazione del ministro dell’Ambiente era stata diramata una circolare alle Prefetture per chiedere l’inserimento dei siti di stoccaggio e trattamento dei rifiuti nei piani coordinati di controllo del territorio. L’incendio allo Stir era forse prevedibile, ma purtroppo nulla è stato fatto. Al momento dello scoppio a vigilare sull’impianto solo alcuni operai. Ci sono delle gravi mancanze che la magistratura dovrà accertare”.

Domani le associazioni cittadine parteciperanno alla riunione delle commissioni regionali Ambiente e Terra dei Fuochi, dove chiederanno di conoscere i dati sull’inquinamento dell’aria e del suolo, che si proceda rapidamente alla bonifica del sito e vengano rafforzati i controlli. Inoltre le associazioni ribadiranno il loro no alla costruzione di un impianto di biostabilizzazione della Fut nello Stir, oltre alla definitiva delocalizzazione dell’impianto già esistente in aree lontane da centri abitati.

Potrebbe interessarti

  • Pericolo topi: ecco come scacciarli dalle vostre case

  • Vetri puliti e splendenti: i 5 consigli da seguire per un risultato assicurato

  • Michela, una casertana tra le 1000 donne che stanno cambiando l'Italia

  • Budget finito, ora tutte le analisi e le visite mediche saranno a pagamento

I più letti della settimana

  • Muore dopo lo schianto in autostrada al rientro dalle vacanze

  • Muore investito dall'auto pirata davanti al ristorante | LE FOTO

  • Le previsioni meteo per Ferragosto nel casertano

  • "Il pentito è nemico del clan", annullata la libertà vigilata

  • FORZA LUCREZIA Amici e familiari in preghiera per la 24enne

  • Schianto in moto, infermiere in prognosi riservata

Torna su
CasertaNews è in caricamento