Impianto rifiuti nell'ex area Pozzi, Grimaldi: "Ennesimo blitz contro il territorio"

Il consigliere regionale presenterà un'interrogazione al presidente De Luca per chiedere chiarimenti

Il consigliere regionale Massimo Grimaldi

"La Regione non sfrutti l’emergenza coronavirus per mettere a segno blitz ai danni dei territori e sulla testa delle comunità locali. Se dovesse trovare conferma la notizia della realizzazione di un impianto per il trattamento dei rifiuti da 50mila tonnellate l’anno nell’area ex Pozzi a Sparanise sarebbe gravissimo sia sul piano istituzionale che su quello del rispetto della salute dei cittadini". E’ durissimo il consigliere regionale Massimo Grimaldi rispetto alla possibilità di portare nuovi rifiuti in un’area già martoriata sotto questo versante.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Nonostante ci sia stato il parere negativo dell’amministrazione provinciale, la Regione Campania, con la colpevole complicità dell’Asi, pare abbia dato il via libera alla Garden srl di realizzare un nuovo impianto per il trattamento dei rifiuti che andrebbe a sorgere ad una distanza di circa un chilometro dal centro abitato e su un’area che sarebbe dovuta essere oggetto di bonifiche – ha sottolineato Grimaldi – Il presidente De Luca, non solo non ha provveduto a dare seguito a tale operazione, ma ha acconsentito alla realizzazione di una nuova industria insalubre contro ogni logica tenuto conto che, nella stessa area già c’è la centrale turbogas. Presenterò un’interrogazione al presidente De Luca per chiedere chiarimenti rispetto all’iter procedurale seguito per individuare l’area di Sparanise che, invece, dovrebbe essere oggetto di bonifiche e chiederò, qualora le notizie trapelate dovessero trovare conferma, l’immediata revoca del provvedimento. Non permetteremo a nessuno di trasformarci in una provincia pattumiera".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Confiscato un tesoro da 22 milioni di euro all'imprenditore 'amico' dei Casalesi

  • Schianto frontale tra due auto, conducenti gravi in ospedale | FOTO

  • Va a caccia col porto d'armi scaduto, condanna "mini" per 67enne

  • Pensioni minime a 1000 euro. De Luca: "Una giornata storica"

  • Tre casertani positivi al tampone per il coronavirus

  • Terrore in corso Giannone, albero della Reggia crolla in strada | FOTO

Torna su
CasertaNews è in caricamento