Garofalo contro Speranza per il voto contrario alla commissione trasparenza sui dirigenti

Il capogruppo di Caserta nel Cuore: "Parlano di legalità, ma quando c'è la possibilità di dimostrarlo coi fatti si mettono di traverso"

Il capogruppo di Caserta nel Cuore Nicola Garofalo

“E’ bello sentir parlare di legalità, ma poi i fatti ci dicono cose diverse”. Nicola Garofalo, capogruppo di Caserta nel Cuore, sferza così l’atteggiamento di Speranza per Caserta che, nel corso dell’ultimo consiglio comunale del Capoluogo, ha preferito votare contro l’istituzione della commissione di trasparenza sull’operato dei dirigenti comunali.

“Avrebbero dovuto votare per il nuovo organismo per dimostrare che quando chiedono più trasparenza e legalità la vogliono davvero - attacca Garofalo-. Invece hanno preferito mettersi contro”. La motivazione addotta dal consigliere Francesco Apperti (presente in aula, mentre era assente Norma Naim) era collegata anche al voto contrario che gli stessi consiglieri di Caserta nel Cuore avevano dato alla mozione di istituzione di una commissione speciale sui rifiuti nel Capoluogo.

“Qui parliamo di due organismi diversi - sostiene il capogruppo di Caserta nel Cuore-. Una commissione che possa controllare il settore rifiuti nel Comune esiste già, mentre una che ponga l’attenzione sul lavoro dei dirigenti non c’è. E noi l’abbiamo proposta per cercare di prevenire i guai, piuttosto che curarli quando si sono già presentati. Dispiace la loro presa di posizione che, per il mio parere, non ha giustificazioni, soprattutto rispetto a ciò che affermano costantemente quando intervengono in consiglio comunale”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La ‘Dea Bendata’ bacia il casertano: vincita record al Lotto

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Camorra, l’allarme della Dda: “Casalesi 2.0 più insidiosi del vecchio clan”

  • Sparatoria con la polizia, il 'finto militare' può essere processato

Torna su
CasertaNews è in caricamento