Fontana del ‘700 danneggiata, appello del parroco: “Servono telecamere ed educazione”

L’atto di vandalismo compiuto da alcuni giovani e rilanciato con un video su Instagram

Il giovane vandalo ripreso mentre lancia le pietre contro la fontana

"Bisogna fare presto qualcosa per tutelare per questo piccolo gioiello borbonico”. È l’appello lanciato dal parroco di San Leucio don Battista Marello dopo il brutale atto di vandalismo avvenuto questa notte, quando alcuni ragazzini hanno seriamente danneggiato con un lancio di pietre una fontana storica, realizzata nel 1794 dal noto scultore napoletano Angelo Solari, riprendendosi con gli smartphone per pubblicare il video su Instagram.

Il caso è stato sollevato dal presidente della Pro Loco e da alcuni residenti, che hanno denunciato il tutto alle forze dell’ordine. Ora sulla vicenda indaga la Polizia di Stato della Questura di Caserta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per don Marello, come riporta l’AdnKronos, “prima della scuderia ci sono delle pietre abbandonante che sono a portata di tutti, e la sera questa zona diventa oggetto di diversi atti vandalici da parte di giovani senza coscienza. Per non parlare dello stemma borbonico crollato a pezzi per incuria. C'è bisogno un sistema di telecamere e di sorveglianza sia notturna che diurna e di educazione al rispetto del nostro patrimonio culturale”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bambino casertano di 3 anni trovato morto vicino al fiume

  • Coronavirus, contagiata una 16enne. Scuole chiuse: “Proroga inevitabile”

  • Coronavirus, contagiata donna di 40 anni: è in ospedale

  • Coronavirus, Annamaria non ce l'ha fatta. Muore dopo il ricovero

  • Coronavirus. Nuovi positivi a Capua, Francolise e Pietramelara

  • Muore 32enne in ospedale, effettuato il tampone

Torna su
CasertaNews è in caricamento