Il dramma di Alfonso, Monica e del loro bambino: bloccati in Venezuela dalle rivolte

La famiglia casertana 'incastrata' nel Paese sudamericano da problemi burocratici

Alfonso e Monica, i due genitori bloccati in Venezuela

Una famiglia casertana, con un bambino piccolo, è bloccata da giorni in Venezuela, dove rischia di scoppiare una vera e propria guerra civile tra l’opposizione e Nicolas Maduro. Il presidente dello Stato sudamericano è finito nel mirino di gran parte delle potenze occidentali per il regime di terrore instaurato nel Paese.

Alfonso, originario di Santa Maria a Vico, assieme alla moglie venezuelana Monica a al piccolo Natale, sta cercando di ritornare in patria: da qualche mese i tre vivono nell'isola Margarita in Venezuela, ma lo scoppiare dei disordini e le difficoltà economiche li avevano spinti a comprare i biglietti dell’aereo per fare ritorno a casa.

La famiglia però è attualmente bloccata per problemi burocratici: il bambino, di 4 mesi, non ha il passaporto e le autorità locali hanno impedito ai tre di salire a bordo dell’aereo che dovrebbe riportarli a Santa Maria a Vico. Del caso è stata informata la Prefettura di Caserta, mentre il sindaco Andrea Pirozzi ha scritto al presidente del Consiglio Giuseppe Conte per chiedere un aiuto concreto.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Folgorato durante i lavori in casa, operaio muore a 34 anni

  • TERREMOTO Trema ancora la terra nel casertano

  • Latitante arrestato in una villetta dopo un blitz di carabinieri e polizia

  • "Faccio una vita da 30mila euro al mese", la confessione al telefono del medico corrotto

  • TERREMOTO Scossa avvertita nel casertano

  • La vacanze dell'orrore: palpeggiata dal padre per un mese, ragazzina 13enne lo fa arrestare

Torna su
CasertaNews è in caricamento