Falsa dichiarazione: il Comune revoca il permesso a costruire dopo 9 anni

L'Ente ha ordinato l'abbattimento di una recinzione dopo la denuncia dei vicini

Il Comune di San Marco Evangelista

Il Comune di San Marco Evangelista revoca il permesso a costruire rilasciato ad un cittadino di via Luxemburg dopo la denuncia dei vicini. E' quanto emerge da un'ordinanza a firma del responsabile del settore Urbanistica Lorenzo D'Anna che ha annullato la Dia e ordinato la rimessa in pristino dei luoghi con la rimozione delle opere abusive.

La vicenda inizia nel 2010 quando il comune di San Marco Evangelista aveva rilasciato una Dia per la realizzazione di una recinzione di un lotto di terreno. Recinzione che però era stata realizzata con lo sconfinamento di un terreno vicino e ricandente nella proprietà del Parco dei Fiori. Circostanze che altri due residenti hanno denunciato con un sopralluogo, lo scorso mese di febbraio, da parte della polizia municipale che ha evidenziato le irregolarità. Ma non solo. Gli uffici Comunali hanno anche riscontrato "la falsa, infedele, erronea o inesatta" rappresentazione della realtà da parte del beneficiario della Dia alla base del rilascio del permesso da parte dell'Ente.  Di qui la revoca e l'ordine di abbattimento della recinzione abusiva. 

Potrebbe interessarti

  • Maschera rigenerante per capelli secchi e crespi: la ricetta della nonna

  • Frutti rossi ed anguria per combattere le gambe gonfie e pesanti

  • Trucco illuminante: ecco la nuova tecnica e come applicarla

  • Quanto tempo bisogna aspettare per fare il bagno dopo aver mangiato?

I più letti della settimana

  • Affiora cadavere in mare, dramma sulla spiaggia

  • Un impero da 300 milioni di euro sequestrato all'imprenditore in odore di camorra

  • Pentito non attendibile, dissequestrato l'impero milionario dell'imprenditore calzaturiero

  • Tragedia sulla provinciale: muore motociclista

  • Arrestato il cassiere dei Casalesi: smantellato il business dei cartelloni pubblicitari

  • Rolex e Pandora falsi, arrestato orafo del Tarì

Torna su
CasertaNews è in caricamento