In 17 firmano un documento contro l'apertura dell'Eurospin

La maggioranza dei consiglieri protocolla una dura nota sul polo commerciale inaugurato senza il parco pubblico

I cordoli dell'Eurospin già distrutti dalle auto

Diciassette firme contro Eurospin. Sono quelle protocollate in una nota inoltrata al sindaco di Caserta Carlo Marino da altrettanti consiglieri comunali, la maggioranza di fatto, che hanno chiesto lumi sull'apertura "anticipata" del polo commerciale.

A firmare la nota sono stati Giovanni Megna, Roberto Peluso, Matteo Donisi, Antonio Ciontoli, Andrea Boccagna, Gianni Comunale, Alessio Dello Stritto, Filippo Mazzarella, Emilianna Credentino, Riccardo Ventre, Camillo Federico, Antonello Fabrocile, Roberto Desiderio, Massimiliano Marzo, Michele De Florio, Liliana Trovato e Massimo Russo, che hanno posto l'accento principalmente su due questioni.

In primis la mancata realizzazione dell'area a verde pubblico attrezzato, propedeutica alla realizzazione del supermercato ricadente in zona F3. "Sarebbe stato opportuno - scrivono i consiglieri - che la parte commerciale venisse inaugurata solo dopo l'ultimazione della metratura di verde pubblico attrezzato. Questo perché la maggioranza della superficie a verde pubblico attrezzato è stata considerata come la condizione per la realizzazoione dell'attività commerciale". Per realizzare il parco pubblico, secondo quanto sostengono i consiglieri, è stata concessa una proroga di 4 mesi per difficoltà da parte del costruttore a smaltire rifiuti rinvenuti sull'area. Ed ecco che i consiglieri chiedono "se si è trattato di rifiuti speciali" e quali azioni amministrative siano state intraprese. 

Altro punto "caldo" battuto dai 17 consiglieri è quello relativo alla sicurezza stradale, con le rampe di accesso e di uscita posizionate sull'Appia. Al riguardo è stata disposto il posizionamento di cordoli di delimitazione tra le due carreggiate che, a quanto pare, sono stati già tranciati dalle auto che hanno invaso la corsia opposta. 

Questioni sulle quali i consiglieri si sono rivolti al sindaco Marino e per le quali si dicono "tuttora molto preoccupati".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Arrestato il patron della 'Clinica Pineta Grande'

  • Terribile schianto sulla Nola-Villa Literno: due feriti gravi

  • Reddito di cittadinanza, sospiro di sollievo per 100mila beneficiari

  • Bollo, sconto del 10% anche a Caserta: ecco come averlo

  • Non supera il test di Medicina, il giudice ordina all’Università di farle ripetere la prova

  • Svolta dopo l'esplosione nella palazzina: sequestrato l'intero impianto di serbatoi Gpl

Torna su
CasertaNews è in caricamento