Lillo incassa il sostegno di 2 ex sindaci ed infiamma il Comunale | FOTO

Il candidato di "Casapulla al Centro" può contare su Nando Bosco e Gaetano Buro

Renzo Lillo

Buona la prima per ‘Casapulla al Centro', per il suo candidato sindaco Renzo Lillo e per i componenti della sua squadra. Ieri sera, presso il Teatro comunale, in occasione dell'evento di presentazione della lista, c'è stato un vero e proprio tripudio di cittadini che, con grande partecipazione ed entusiasmo, hanno voluto omaggiare la compagine capitanata da Lillo.

La struttura di via Fermi è stata letteralmente presa d'assalto da oltre seicento persone, che hanno iniziato a popolare la zona sin dalla prima ore del pomeriggio. A caricare al punto giusto la platea ci ha pensato il consigliere regionale Luigi Bosco, che ha ricostruito gli ultimi anni di vita amministrativa di Casapulla, culminati con la defenestrazione sua e dei consiglieri Marialaura Buro e Francesco Sorbo dalla maggioranza. "L'ex sindaco - ha affermato Bosco - ha avuto quattro anni per dimostrare qualcosa ai casapullesi. Purtroppo, questo periodo è trascorso senza che nulla venisse realizzato, ad accezione di tentativo di acquisizione di strade o deroghe al Piano regolatore per favorire qualche suo sostenitore. Noi ci siamo opposti a questo modo di agire, pagandone le conseguenze con l’estromissione dalla maggioranza. Oggi, con Renzo Lillo e la sua fantastica squadra, Casapulla può rinascere e tornare ad essere centro nevralgico dell'Appia e della provincia di Caserta".

A questo punto la parola è passata ai candidati di 'Casapulla al Centro': Andrea Martusciello, Maria Antonia Sorbo, Francesco Sorbo, Antonio Santoro, Santina Santarelli, Giuseppe Santillo, Carmela Palazzo, Rosaria Orlando, Bernardina Melchiorre, Marina De Lise, Marialaura Buro e Ferdinando Bosco si sono presentati ai tantissimi cittadini presenti all'interno del Teatro comunale. Ex amministratori e debuttanti hanno spiegato nei dettagli i motivi della loro opzione di scendere in campo con la lista Casapulla al Centro in contrapposizione alla squadra avversa, motivandola con i progetti e le priorità individuate nelle necessità dei cittadini.

L’applausometro si è inevitabilmente impennato quando a prendere il microfono è stato l’ex sindaco Ferdinando Bosco che è ricorso anche ad espressioni colorite nel rintuzzare qualche accusa o illazione proveniente dalla lista contrapposta, ma soprattutto non sottacendo le manovre costruite ad arte da chi la compone e chi la ispira. "Ci hanno accusato di aver messo insieme un’accozzaglia – ha sottolineato la punta di diamante dello schieramento – ma io sostengo che è meno grave aver riunito intorno alla stessa idea persone provenienti da esperienze diverse rispetto al comportamento di chi, partito insieme ad altri per lo stesso percorso, non esita a pugnalare alle spalle i compagni di viaggio".

E’ quindi tornato alla ribalta il candidato alla carica di sindaco Renzo Lillo, il quale si è soffermato sulle caratteristiche della squadra da lui capitanata e dall’esposizione di alcuni punti che Casapulla al Centro si prefigge in caso di vittoria. "Da uomo di sport, in me è forte il concetto di squadra che ho trasmesso ai candidati della mia lista. In ogni gruppo che si rispetti è fondamentale la partecipazione di tutti; ecco perché, fin dal primo giorno, abbiamo condiviso ogni cosa e abbiamo stilato un programma elettorale insieme ai cittadini. Daremo grande importanza alla valorizzazione delle nostre risorse, allo sviluppo sociale e culturale del paese, e alla gestione del territorio. Tra i temi centrali del nostro programma c'è sicuramente il rilancio dell’ambiente e dei luoghi di aggregazione; a tal proposito, puntiamo ad affidare la gestione delle aree verdi a privati che dovranno curarne anche la manutenzione. Alla base della nostra idea di amministrazione c'è la sicurezza del cittadino, che vogliamo garantire anche attraverso una sorveglianza più capillare del territorio; la tutela della popolazione e delle nostre realtà economiche rappresentano un presupposto irrinunciabile per lo sviluppo del paese. Ritengo che con la mia squadra, fatta di persone che hanno voglia di fare, Casapulla possa ritornare allo splendore del passato". 

La serata si è chiusa con un simpatico siparietto, quando Nando Bosco, scorgendo in prima fila l’ex sindaco Gaetano Buro, grande sostenitore della squadra, lo ha invitato a salire sul palco, per una foto di rito insieme a lui e Renzo Lillo, quasi a voler sottolineare la contiguità tra le amministrazioni che, partendo dagli anni ’80, si sono snoccciolate via via nella storia politica di Casapulla e con Renzo Lillo è già proiettata nel futuro.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Aggredisce i passanti, fermato dal campione di arti marziali

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Camorra, l’allarme della Dda: “Casalesi 2.0 più insidiosi del vecchio clan”

Torna su
CasertaNews è in caricamento